Home News IPhone 12: vale davvero la pena acquistare il nuovo melafonino?

IPhone 12: vale davvero la pena acquistare il nuovo melafonino?

Apple ha presentato il nuovo iPhone 12 disponibile nelle versioni Mini, Standard, Pro e Pro Max. Il punto di forza del telefono, come da ogni anno, è l’incremento delle prestazioni grazie al nuovo chip A14 che dovrebbe permettere delle velocità fino ad ora sconosciute sui dispositivi mobile. 

Le funzionalità offline, tuttavia, non sono l’unica novità introdotta da Apple. La casa di Cupertino, infatti, ha finalmente deciso di introdurre la compatibilità con la tecnologia 5G, consentendo di navigare fino a 10 volte più velocemente rispetto all’attuale rete 4G.

Il 2020 è anche l’anno per i gamer. Apple si sta focalizzando sempre di più in questo mercato, motivo per cui i nuovi telefoni sono stati presentati anche come degli ottimi dispositivi per giocare. A prescindere che si voglia utilizzare un gioco da casinò pay n play o un titolo multiplayer battle royale, pare che l’iPhone 12 sia estremamente competitivo in questo settore.

Il nuovo melafonino, sfortunatamente, presenta anche dei lati negativi che hanno alimentato un gran numero di critiche, motivo per cui alcuni potrebbero pensarci due volte prima di acquistarlo, soprattutto se dispongono di un modello recente, come iPhone 11.

La prima critica è sicuramente correlata alla decisione di rimuovere la presa a muro per ricaricare il telefono. Questa decisione è stata presa affermando che la maggior parte degli acquirenti di iPhone possiedono già una presa a cui collegare il cavo. Nonostante ciò, il cavo fornito nella confezione del telefono è compatibile solo con USB-C, quindi non adatto alle normali prese a muro fornite negli anni precedenti con i dispositivi Apple.

Di conseguenza, coloro che scelgono di acquistare il nuovo telefono di Cupertino dovranno mettere in conto anche l’acquisto della presa o, nel caso in cui vogliano sfruttare al massimo le funzionalità di ricarica, del nuovo caricatore wireless compatibile con il magnete magsafe integrato.

Anche se il nuovo magsafe è stato accolto con entusiasmo, dato che permette di ridurre di un terzo i tempi di ricarica del dispositivo, non sono mancate anche le critiche per alcuni problemi correlati alla compatibilità con le custodie. Il magnete posteriore infatti tende a danneggiare le custodie in pelle e silicone morbide, lasciando un solco circolare che non ha fatto proprio impazzire gli utenti.

Il nuovo iPhone 12 è veramente indispensabile?

Considerati i lati positivi e i lati negativi citati sopra, possiamo dire che iPhone 12 non sia un telefono indispensabile per chi possiede un modello recente, tuttavia, vale l’acquisto solo per la compatibilità con la rete 5G. Certo sul mercato esistono modelli della concorrenza già dotati di questa tecnologia, primo fra tutti il Samsung S20 5G, tuttavia, essendo l’unico dispositivo Apple, per ora, dotato di rete 5G, gli appassionati della mela morsicata non possono fare altro che optare per questo device.

Tra le varie versioni, la più sconsigliata è proprio la nuovissima mini. Le dimensioni ridotte significano una batteria più piccola, ma tenendo prestazioni comparabili con gli altri modelli. Alte prestazioni e batterie piccole non vanno molto d’accordo. Come è già stato visto per l’iPhone SE, questo si traduce in un telefono che fa veramente fatica a durare per solo mezza giornata, anche con un uso moderato.

Tra la versione standard e quella pro la differenza più importante è data dalle due o tre fotocamere posteriori, che non sono solo un accessorio estetico, ma permettono effettivamente di scatenare il fotografo che è dentro ciascuno di noi. Le tre fotocamere del modello pro sono veramente performanti, tanto che Apple ha dichiarato che possono essere usate per scattare foto e girare video professionali ancora meglio di quanto si potesse già fare con iPhone 11.

Ricapitolando, connessione e qualità delle foto salvano ancora una volta l’iPhone, permettendo di chiudere un occhio sulle mancanze.