Connettiti con noi

News

La tecnologia del Cloud computing: cos’è e a che serve

Pubblicato

il

Cloud-Computing

La tecnologia del Cloud computing è il fenomeno del momento: grazie ad essa è possibile memorizzare enormi moli di dati direttamente in rete. Il termine significa letteralmente ‘nuvola informatica’ e si riferisce alla possibilità di immagazzinare sulle nuvole, ossia in server dalla grandissima memoria, un’infinità di informazioni. Ecco di cosa si tratta.

Come funziona il servizio in cloud?

L’utente può accedere ad applicazioni, dati, giochi e contenuti multimediali grazie al collegamento a un server o hardware remoto. Non è più necessario che il fruitore disponga dei dati necessari sulla propria workstation locale. Potenti dispositivi da remoto fungono da serbatoi immensi per contenuti. L’utente può avere accesso a servizi e informazioni, se dispone dei permessi.

Applicazioni del cloud computing al settore giochi

La tecnologia rende non più necessario disporre di hardware costosi e specifici. Ad esempio, per il settore game show, l’appassionato aveva bisogno di comprare una console nel recente passato. Oggi si va sempre più verso l’abbandono di dispositivi dedicati esclusivamente ai giochi. L’utente può disporre soltanto di un PC o di uno smartphone, ossia di macchine che sono in grado di collegarsi e accedere al cloud in questione. Tra le applicazioni del momento, c’è proprio il fenomeno del Cloud gaming. Non serve attendere che il file si scarichi, così come non è più necessario disporre di un hardware dedicato. Accade già, ad esempio, per il mondo dei casino online: leggeri come nuvole, belli come sempre, i giochi più amati, slot, roulette e jackpot, sono pronti e immediatamente disponibili sulla rete per tutti gli appassionati. Un altro esempio è Stadia, la piattaforma di casa Google, in cui giocare senza avere un particolare device a titoli quali Moonlighter o I Supercuccioli.

I Software as a Service

Ma non solo game show. Grazie al sistema del Cloud computing, è possibile accedere anche a software in remoto. Si tratta del cosiddetto SaaS, ossia il Software as a Service, che permette di utilizzare le funzionalità di un programma senza che questo sia istallato sul PC dell’utente. È un ottimo sistema per ottimizzare la memoria del computer, sempre piena di cartelle. Molti programmi in rete inoltre sono fruibili in modalità free, con un pagamento solo per le versioni più avanzate, le cosiddette premium.

Lo streaming dei contenuti multimediali

Anche il mondo dei contenuti multimediali è ospitato sulle nuvole, ossia in server dalla grandissima capienza. Netflix, per citarne una, nota piattaforma piena di serie Tv e film originali, è un esempio dell’applicazione della tecnologia del cloud. Non è più necessario avere il DVD, né scaricare dalla rete il file, per fruire di un film. Basta avere un abbonamento al servizio, per godere di tantissime ore di intrattenimento.

La sete di dati è sempre più grande negli utenti. Ecco che il cloud computing sarà nel futuro una tecnologia sempre più utilizzata. Con la diffusione della connessione veloce legata al 5G, la fruizione dei dati conservati sulle nuvole sarà poi sempre più veloce e dinamica.

 


Di Tendenza

Tutte le Ultime Notizie dalla provincia di Roma e dall'Italia aggiornate in tempo reale: Cronaca, Politica, Attualità, Sport ed Eventi.
Il Corriere della Città è una testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 19 del 24/09/2009
Contattaci: redazione@ilcorrieredellacitta.it