Home News Cronaca Multopoli Roma: così sparivano le contravvenzioni a vip, funzionari, poliziotti e Carabinieri

Multopoli Roma: così sparivano le contravvenzioni a vip, funzionari, poliziotti e Carabinieri

multopoli roma

Multopoli Roma. Si allarga la platea delle persone che avrebbero beneficiato della sforbiciata alle contravvenzioni ricevute. Nel lungo elenco delle persone al vaglio della procura c’è un po’ di tutto. Agenti di Polizia, Vip, Carabinieri, funzionari di varie istituzioni tra cui anche Camera dei Deputati, Senato e prefetture. E’ a loro – ma anche a familiari e amici – che magicamente la multa spariva. A cestinarla erano 4 funzionari del Campidoglio coadiuvati, si scopre ora, anche da un agente di Polizia e da un Carabiniere in pensione.

Multopoli Roma: veicoli spacciati per vetture in servizio

Tra le motivazioni addotte per cancellare le contravvenzioni, emerge dall’inchiesta denominata Multopoli a Roma, vi era quella ad esempio della «vettura in servizio» e dunque non sanzionabile. Questo, nonostante, invece, al volante risultassero privati cittadini o i loro familiari. Imponenti i numeri dell’inchiesta: tra il 2008 e il 2014 sarebbero state annullate multe per un valore totale di 18 milioni di euro. Purtroppo però parte degli illeciti risulta già prescritta. Ma non per il fascicolo in essere dal 2012 al 2014, quello cioè a cui si riferisce l’attuale inchiesta della Procura ribattezzata ‘multopoli’. In tutto quasi 140mila multe svanite nel nulla. 

Tra le persone coinvolte, ricordiamo, vi sarebbe anche il Presidente della Lazio Claudio Lotito che ha però già presentato ricorso. Nelle scorse ore infatti i legali hanno contestato il provvedimento con cui il Tribunale del Riesame aveva disposto il sequestro di circa 26mila euro poi eseguito dalla Guardia di Finanza. Questa la nota affidata al sito della Lazio: «In riferimento alle notizie stampa, radiofoniche e televisive relative alle contravvenzioni del Comune di Roma, i legali del Presidente della S.S. Lazio Claudio Lotito comunicano che si tratta di un clamoroso equivoco che verrà prontamente chiarito nelle sedi competenti e precisano che le cifre contestate si riferiscono a multe di circa 15 mila divenute 26 mila per effetto delle sanzioni previste dalle cartelle, che riguardano macchine intestate a società di cui il Presidente è socio».

Multopoli Roma: gli indagati

Vip, nobili, funzionari e anche esponenti delle forze dell’ordine. In tutto si tratta di 197 persone indagare dalla Procura di Roma per il giro di multe cancellate. Nel mirino delle indagini ci sono l’ex responsabile e altri tre dipendenti del Dipartimento Risorse Economiche di Roma Capitale che si occupa delle sanzioni e delle istruttorie legate alle violazioni del codice della strada. Le indagini scattarono nel 2008 a seguito della denuncia di una dipendente comunale. Lunedì scorso, il gip aveva disposto un sequestro da oltre un milione di euro a carico di una decina di indagati, compresi i 26mila euro a Claudio Lotito.