Home Colleferro, Valmontone, Palestrina, Velletri Artena, un altro Consiglio comunale. L’ avv. Ileana Serangeli sarà assente: “No,...

Artena, un altro Consiglio comunale. L’ avv. Ileana Serangeli sarà assente: “No, allo svilimento dell’ Aula”

Nel pomeriggio di oggi, martedì 19 marzo 2019, alle ore 16, è convocato il primo appello di un’ altra seduta del Consiglio comunale di Artena

Tra gli addetti ai lavori si respira un’ atmosfera, a tratti tagliente, che racconta di un fine consiliatura movimentato (come, del resto, sono stati i mesi scorsi). 

Chi non parteciperà all’ adunanza, sicuramente, è l’ avv. Ileana Serangeli che,in una nota di seguito riportata, motiva la scelta

«Le convocazioni del Consiglio Comunale sono diventate ormai inconsistenti e vuote.

Partecipare ad un consesso convocato per discutere una presunta quanto più inesistente incompatibilità del consigliere Centofanti diventa veramente pesante per il mio rigore ideologico e la mia preparazione giuridica.

Ritengo che anche il cittadino abbia ormai la lungimiranza di capire il gioco di questa minoranza amministrativa.

Perché parliamo di una minoranza, della quale non riconosco l’autorevolezza neanche di convocazione di un consiglio comunale. E’ come andare a discutere dei fondamenti del diritto con i bambini dell’asilo.

Può essere dichiarata incompatibile una consigliera che ha promosso un ricorso per conservare e tutelare il suo Status?

Siamo ormai ai minimi livelli.

Non parliamo poi del secondo punto all’ordine del giorno che nasce da un: “Patto di fine mandato”.

Mi fa ridere questo patto, mi stupisce il consigliere Conti, con le sue prese di posizioni altalenanti, faticosamente comprensibili.

Mi balza agli occhi l’articolo giornalistico nel quale, dopo aver sottoscritto lui stesso una mozione di sfiducia alla maggioranza di qualche mese fa, richiamava la sottoscritta ad “Un atto di responsabilità”, invitandomi ad andare in consiglio per votarla.

Ebbene, direi che sicuramente io non sono famosa per la mia simpatia, ma certo non mi si può rimproverare di cambiare pensiero con il tempo. Bisogna avere un minimo di serietà e di rispetto per se stessi e, in politica, prima di tutto per gli altri.

Non bisogna offendere l’intelligenza altrui. Quale patto di fine mandato esiste? Il progetto del multiplano non abbisogna di un indirizzo politico del Consiglio comunale.

 E’ un progetto approvato da un Commissario che nessuno ha voluto realizzare in 5 anni e non si capisce perché oggi risulterebbe dirimente per l’ingegnere Conti un atto di indirizzo di un’amministrazione uscente di diniego alla realizzazione.

Lo sa il Dott. Conti che per la prossima amministrazione la delibera consiliare di oggi sarebbe nulla se vi fosse la volontà e la disponibilità finanziaria futura alla realizzazione?

Poi veniamo alla richiesta dell’abbattimento degli interessi e delle sanzioni ai contribuenti morosi. Una chimera impossibile da realizzarsi. L’amministrazione, per accontentare il Dott. Conti, proverà ad avanzare la richiesta formalmente al CEP che, richiamando la legge, magari senza neanche tanto garbo, rigetterà la richiesta perché impossibile da attuare senza incorrere in problematiche finanziarie censurabili.

Gli amministratori devono capire che non sono a casa loro e non possono decidere discrezionalmente quando e come un cittadino deve pagare un tributo locale o fare scontistiche a taluni e ad altri no.

Chi vuole fare campagna elettorale o accordi promettendo il nulla lo faccia, ma non offendete l’intelligenza delle persone.

Le altre due richieste sono una superata e l’altra di principio, perché per il ripristino della strada delle tre are mi pare che ci abbiano già pensato, impegnando più di quanto occorrente. Pertanto, appare veramente burlonesco questo patto di fine mandato volto ad evitare di ammettere di essere ed essere stato la Longa Manus dell’amministrazione Angelini. Scelte del Dott. Conti, tutte sue, da leggere però coma vanno lette».

Nel Comune di Artena, come in altri, eventi, episodi ed accadimenti hanno radicalmente stravolto lo scenario del 2014 (anno delle elezioni della consiliatura agli sgoccioli). 

Seguiremo, come sempre, l’ evoluzione della “pittura del quadro” e, prontamente, ne daremo notizia.