Connettiti con noi

Ultime Notizie

CONSIGLIO COMUNALE, OVVIAMENTE RIMANDATO…

Pubblicato

il

Come volevasi dimostrare, il consiglio comunale di questa mattina, il più atteso della stagione politica pometina, non si è svolto. I numerosi punti all’ordine del giorno, quasi tutti riguardanti l’urbanistica, oltre ad uno sulla modifica dell’art. 29
comma 5 dello Statuto Comunale sul quorum strutturale per le sedute di Consiglio Comunale ed uno, importantissimo, sulla discussione del conto consuntivo del 2010, non sono stati infatti nemmeno accennati: sono invece bastati pochi minuti per capire che il numero legale non c’era. Ma la cosa buffa è che, almeno nei primi secondi, i presenti erano almeno 18, con assenti “solo” il sindaco De Fusco ed i consiglieri Mirimich, Mesturini, Attenni – praticamente quasi tutto il PD, tranne Renzo Antonini, che si riservava proprio questa occasione per esprimere il suo parere sulla nomina di Maniscalco come assessore alle Finanze – Barone, Busti e Puggioni, unico dell’opposizione a mancare all’appello. Ma subito dopo la prima “conta” il rappresentante del PDL Romano Errico ha chiesto la verifica del numero legale, con simultanea fuoriuscita di tutti i consiglieri di minoranza tranne che di Fabio Fucci del Movimento 5 Stelle. Risultato: solo 10 presenti, non sufficienti per il proseguimento del dibattito. Il Presidente del Consiglio Paolo Ruffini ha allora rimandato la seduta, sempre nella delegazione di Torvaianica, al 28 e 29 Novembre, in seconda convocazione, quando per far sì che l’assise sia valida basteranno appena 10 consiglieri. “Ho risposto alla convocazione non solo presentandomi puntualmente – ha spiegato Fucci – ma anche rimanendo quando è stata chiesta la verifica del numero legale perché ritengo
importante essere presente per rappresentare i cittadini che mi hanno votato. Credo che essere un consigliere significhi anche partecipare a queste convocazioni, per prendere parte sul serio, attraverso il proprio consenso o dissenso, alle decisioni che riguardano la vita amministrativa della nostra città. Evidentemente molti consiglieri, sia di opposizione che di maggioranza, non la pensano così, nonostante l’importanza degli argomenti da trattare”.

3 Comments

3 Comments

  1. romolo

    22 Novembre 2011 - 15:00 at 15:00

    mi fate veramente schifo…..prima vi candidate, fate di tutto per essere eletti , false promesse, cene, regali, chiamate i cosidetti capipopolo che vi danno la  certezza di un tot di voti…….e poi neanche vi presentate al consiglio comunale, quanto mi fate schifo perseguite soloi vostri interessi eppure dentro questa città ci vivete crescono i vostri figli invecchiano i vostri genitori……e pensate solo a voi stessi..vergogna avete delle facce di bronzo,…….ma di quello scadente però….

  2. Valentino Valentini

    22 Novembre 2011 - 15:51 at 15:51

    La legge elettorale garantisce alla maggioranza 14 seggi su 24. Bell’esempio di compatezza\nSi capisce perchè vogliono modificare l’art 29 comma 5 dello Statuto Comunale! L’unico interesse che hanno, visto l’odg è il mattone. Ho applaudito, solitario, alle argomentazioni del presidente del consiglio circa la necessità di tenere il consiglio a Torvaianica di cui nessun cittadino era presente.\nGiudico la giunta De Fusco VOMITEVOLE\n

  3. curioso

    22 Novembre 2011 - 16:21 at 16:21

    Caro Direttore, vorrei porle una domanda (forse Lei lo sa): perchè questo Consiglio Comunale a Torvaianica??? Dove c’è a mala pena posto per gli addetti ai lavori.

You must be logged in to post a comment Login

Leave a Reply

Tutte le Ultime Notizie dalla provincia di Roma e dall'Italia aggiornate in tempo reale: Cronaca, Politica, Attualità, Sport ed Eventi.
Il Corriere della Città è una testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 19 del 24/09/2009
Contattaci: redazione@ilcorrieredellacitta.it | Preferenze Privacy