Connettiti con noi

Ultime Notizie

POMEZIA, IL PDL SCRIVE AL PREFETTO DI ROMA

Pubblicato

il

E meno male che era stato precisato che non si trattava di guerra aperta. Mai come adesso il PDL aveva sfoderato tutte le armi possibili contro la maggioranza e mai come adesso aveva mostrato unità tra i suoi componenti non solo in consiglio comunale ma anche del direttivo. L’ultima iniziativa intrapresa riguarda una lettera aperta indirizzata al Prefetto di Roma Giuseppe Pecoraro. Diffusa dal coordinatore Rodolfo Serafini, la missiva è firmata da Luigi Celori, Saverio Pagliuso, Romano Errico e Raimondo Piselli che “venuti a conoscenza della richiesta da parte del Sindaco della nostra Città di un Suo intervento per risolvere il problema relativo all’impossibilità di conferire in discarica i rifiuti urbani a causa di un forte indebitamento dell’Ente nei confronti del gestore del sito”, chiedono al Prefetto “un intervento mirato all’effettiva tutela dell’Istituzione comunale, delle imprese operanti nel nostro territorio e per le famiglie residenti”.

“La nostra richiesta – si legge nella lettera – nasce dalla consapevolezza che un’azione amministrativa incapace e dissennata ha causato un indebitamento che probabilmente si attesta intorno ai 150 milioni di euro, che vede creditori i gestori della discarica dei rifiuti urbani, la ditta che si occupa della loro raccolta, la società che gestisce le mense scolastiche, la società che gestisce il Trasporto Pubblico Locale e quella degli scuolabus, l’ACEA, l’EDISON per la fornitura idrica e del gas, il fornitore di energia elettrica, la società municipalizzata che gestisce le farmacie comunali e molti altri soggetti pubblici e privati. Le ripercussioni di questa situazione sugli equilibri finanziari dei creditori metteranno a rischio gli stipendi dei loro dipendenti e la sopravvivenza stessa di alcune aziende, con la conseguente soppressione di servizi essenziali e necessari a garantire l’igiene e la sicurezza nel territorio comunale”.

I consiglieri passano poi alle considerazioni politiche, puntando il dito contro gli argomenti da trattare al prossimo consiglio comunale e la sede scelta per il suo svolgimento.

“Nonostante questi rischi si concretizzino ogni giorno in misura maggiore, il Presidente del Consiglio ha convocato il Consiglio Comunale per i giorni 22, 23 e 24 p.v. con all’ordine del giorno punti prevalentemente di urbanistica, una variazione allo Statuto per ridurre il numero legale necessario per lo svolgimento del Consiglio, e la sola discussione del Conto Consuntivo come ultimo punto, dopo che la presentazione e la votazione di questo documento contabile era stata richiesta ufficialmente per tre volte da consiglieri dell’opposizione, senza avere risposte in merito. Anomala appare poi la sede del Consiglio, convocato nella delegazione di Torvajanica e non nell’aula consiliare senza nessuna motivazione addotta, in palese contrasto con quanto stabilito all’art. 29 comma 4° dello Statuto comunale, rendendo in questo modo inaccessibili i lavori alla
popolazione dati gli spazi ristretti della struttura prescelta”. Vedendo in questa decisione una sorta di prevaricazione, la lettera si conclude con la richiesta al dott. Pecoraro si un “urgente intervento a tutela dell’Ente locale Città di Pomezia, delle famiglie e delle imprese presenti e operanti nel territorio, anche con il ricorso a Enti superiori quali il Ministero dell’Interno, la Corte dei Conti e la Ragioneria Generale dello Stato per quanto di competenza e nelle more dell’accertamento delle responsabilità degli amministratori nelle dovute sedi”.

7 Comments

7 Comments

  1. Maurizio

    20 Novembre 2011 - 20:55 at 20:55

    Magari si riuscisse a capire dove vanno i soldi!

  2. Enzo

    21 Novembre 2011 - 09:50 at 09:50

    La politica nazionale è morta, la politica locale non è mai nata. Destra, sinistra e centro non esistono, esistono soltanto gli interessi privati sulla cosa pubblica ed il cittadino pian piano lo sta capendo..

    • Gianluca Cocilovo

      21 Novembre 2011 - 23:12 at 23:12

      “….e poi ti dicono tutti sono uguali ,tutti rubano nella  stessa maniera, ma è solo un modo per convincerti a stare chiuso dentro  casa quando viene la sera…” (Francesco De Gregori)

      • Enzo

        22 Novembre 2011 - 10:46 at 10:46

        ..Gianluca, mi piacerebbe che tu dimostrassi il contrario. \n\nVuoi forse dirmi che Ruffini & Co. non sono al governo di questa amministrazione di centro-sinistra?!\nVuoi forse dirmi che Maniscalco non è assessore di questa amministrazione di centro-sinistra?!\nVuoi forse dirmi che questa amministrazione e le precedenti non hanno fallito?!\nVuoi forse dirmi che non siamo indebitati fino al collo?!\nVuoi forse dirmi che per quanto di tasse paghiamo abbiamo un adeguato ritorno di servizi?!\nGianluca, sarò pure un qualunquista, ma è da tempo che ho smesso di credere che Babbo Natale esiste..

        • Gianluca Cocilovo

          22 Novembre 2011 - 12:05 at 12:05

          Voglio dirti solo che,sebbene la maggioranza dei politici pometini non siano un modello di virtù e di buon governo,non bisogna trarre giudizi negativi anche su quella minoranza che prova a distinguersi.

      • gino

        22 Novembre 2011 - 11:49 at 11:49

        ma tu parli sempre difendi sempre le malefatte che stanno combinando i nani, parli di tecnico di maniscalco , parli di un grande partito come forza (sola ) pomezia e attacchi di continuo partiti che stanno facendo opposizione come si deve PDL E SEL che fanno denuncie su denuncie ma invece il tuo partito L’API cosa fa ? chi tace acconsente \n\nps:pubblicatelo grazie

        • Gianluca Cocilovo

          22 Novembre 2011 - 21:08 at 21:08

          Caro Gino Anonimo,io non difendo le malefatte di nessuno,non ricordo di aver pubblicamente fatto apologia di qualche reato accertato commesso da qualsiasi amministrazione pometina presente e passata.Ci tengo solo che alcuni principi liberali non vengano sacrificati sull’altare del populismo e del qualunquismo,perchè io,al contrario dei tanti Masaniello, non considero i lettori di questo spazio degli individui da fomentare a piacimento degli oggetti da usare,come fanno molti pubblicitari con i consumatori.\nUna delle cose che più non sopporto è l’ingiustizia di essere attaccati da presunti  paladini della correttezza  che non si firmano con nome e  cognome.Tutte le persone che fanno politica o che rivestono un incarico istituzionale hanno il sacrosanto diritto di non essere accusati dai fantasmini che appaiono e scompaiono. Questo diritto vale per me,che politicamente sono irrilevante,come  per  il Sindaco,passando per tutti gli esponenti di partito,buoni o cattivi che siano.\nDi solito sono le dittature e i loro epigoni che amano usare questi mezzucci.\n\nOra ,entrando nel merito delle accuse che lei mi  vuove : \n\n- Non mi risulta di aver mai attaccato SEL,anzi molte iniziative che fanno   le condivido,e sono stato molto contento  dell’intervento del consigliere Alba Rosa al Congresso Locale di Api tenutosi recentemente,unico consigliere ed esponente politico,che ci ha dimostrato rispetto e considerazione.(E questo lo terrò bene in considerazione per le prossime elezioni comunali,quando verrò consultato sulle possibili alleanze)\n\n- Per quanto riguarda poi il PDL locale ,tra l’altro mai attaccato in questo spazio,vuol dire quindi che lei mi  legge sulla mia pagina facebook,esprimo un certo scetticismo sulla reale volontà di segnare una forte discontinuità con l’attuale amministrazione. Esempio : si cita sempre che l’Amministrazione De Fusco ha uno staff nutrito,e ciò rappresenta uno spreco della politica?Bene allora io mi aspetterei dall’attuale centrodestra un passo  in avanti,un cenno forte di cambiamento, dichiarare pubblicamente di non voler utilizzare nessuno staff di consulenti nel caso di una futura vittoria elettorale. Questo è la discontinuità che si aspettano i cittadini.\n\n-Questione Api. Il mio partito a differenza di tanti altri,ha appena concluso la fase congressuale.Dopo   ampio confronto,libero e  democratico ,abbiamo votato un coordinatore comunale e un direttivo.Direttivo che ieri si è riunito per assegnare dei ruoli e competenze.Siamo ora pronti per dare il nostro contributo al miglioramento della qualità della vita dei nostri concittadini.Quindi caro Gino Anonimo, Api non tace,stia tranquillo,anzi se volesse venirci a trovare nella nostra sede,potrà constatare la presenza di un nutrito gruppo di cittadini che vogliono dare il loro contributo. 

You must be logged in to post a comment Login

Leave a Reply

Tutte le Ultime Notizie dalla provincia di Roma e dall'Italia aggiornate in tempo reale: Cronaca, Politica, Attualità, Sport ed Eventi.
Il Corriere della Città è una testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 19 del 24/09/2009
Contattaci: redazione@ilcorrieredellacitta.it | Preferenze Privacy