Home News Ultime Notizie Politica La maggioranza perde un altro pezzo?

La maggioranza perde un altro pezzo?

Pomezia: una Maggioranza che si dissolve come neve al sole. Un altro esponente lascia l’incarico e l’On. Cesa arriva in città \n\nSembrerebbe che un altro pezzo importante della maggioranza stia per dimettersi. Il condizionale diventa indispensabile per articolare una serie di considerazioni. La notizia, naturalmente ricevuta da fonti confidenziali, ci ha colto di sorpresa. Le agenzie dei vari giornali hanno fino a stamane lanciato notizie su un lavorio incredibile che si è messo in moto per far ritirare le dimissioni a De Fusco da Sindaco di Pomezia. Il Primo Cittadino si è dimesso per una serie di conflitti che hanno spezzato la maggioranza.\n\nUn contrasto divenuto insanabile per il Sindaco quando si è votato per la nomina dei Revisori dei Conti. Durante lo svolgimento del Consiglio Comunale ci sono stati tre franchi tiratori che hanno dato la preferenza ad un mome indicato dall’opposizione, mandando il Sindaco in minoranza. Ora sembra che l’esponente pronto a mollare sia l’Assessore alle Attività Produttive, Gaetano Penna, che domani dovrebbe presentare le  dimissioni. Se così fosse il centrosinistra perderebbe un altro veterano della politica. Una scelta che lascia presagire un nuovo scenario e che spazza via le tante voci che si rincorrono nei corridoi. Tra queste voci, significative sono quelle che fanno presagire accordi per ricreare una nuova maggioranza a condizione che il Presidente del Consiglio ed un esponente dell’Italia dei Valori abbandonino i loro rispettivi incarichi istituzionali.\n\nSe effettivamente domani l’assessore Penna presentasse le dimissioni il significato sarebbe di tutt’altro valore. Sarebbe un’uscita concordata o un segnale che è finita l’epoca De Fusco? E la “coincidenza” che questo avvenga in contemporanea all’arrivo dell’on. Cesa a Pomezia – il segretario del costituendo Partito della Nazione – è forse il segnale che in Città è stata avviata una nuova fase politica?\n\nInfine l’uscita di De Fusco: sarebbe stata “studiata” per eliminare alcuni esponenti della maggioranza e farne entrare altri, o rappresenta il segnale che è finita clamorosamente male un’amministrazione che lascia solo debiti?\n\nFrancesco De Marco