Connettiti con noi

Primo Piano

RIFORMISTI DEL PD CONTRO IL RIENTRO DI ANTONINI

Pubblicato

il

piazza pomezia

I riformisti del PD di Pomezia e Torvaianica si scagliano contro Antonini ed appoggiano la scelta del Sindaco Enrico De Fusco di azzerare la Giunta. Le motivazioni sono esplicitate in un comunicato stampa diffuso questa mattina. “Quanto è successo nel consiglio comunale del 2/10/2012 dimostra ancora una volta e sempre con più forza la necessità di una reale ripresa della politica basata su grandi valori e su un ritrovato senso etico – si legge nel documento – Il ventennio berlusconiano è stato devastante e non solo in termini economici; la reale devastazione è avvenuta in termini culturali, consolidando come valori l’individualismo, l’arte di arrangiarsi, la mestieranza del candidato, l’impunità, scardinando concetti come solidarietà, libertà, uguaglianza, rendendo il centrodestra sempre meno sociale e sempre più individualista. Malgrado tutto tale virus ha trovato alcuni strati del centrosinistra predisposti a tale influenza contribuendo a rendere il nostro paese sempre più povero culturalmente. E’ quanto si è consumato nel consiglio comunale a Pomezia. Ci sentiamo in dovere di manifestare tutto il nostro dissenso. Troviamo che la posizione assunta dal Sindaco nel ritirare le deleghe agli Assessori sia non solo giusta, ma necessaria. Non è accettabile che di fronte a tale situazione di criticità il Sindaco non possa contare sulla sua Giunta o che gli Assessori non si siano sono sentiti in dovere di assumere una posizione pubblica, a sostegno delle ragioni di un necessario chiarimento procedurale, che mettesse il consiglio comunale al riparo da errate interpretazioni, rendendo esplicito che il reintegro di Antonini seguisse non ad una volontà dell’assise comunale ma ad una ordinanza del Prefetto. Per questo crediamo che non sia più sufficiente un atto di lealtà rivolto al solo Sindaco ma che sia necessario un atto pubblico rivolto ai cittadini, un atto dell’intera maggioranza ed in particolar modo del gruppo del PD, che deve esserne promotore tramite il suo capogruppo”.

“Se si lascia intendere che il reintegro del consigliere Antonini passa da una volontà dei consiglieri – precisano i riformisti del PD – non si tiene conto delle implicazioni che tale atto produce tra la cittadinanza, preoccupata all’idea che il consiglio pometino possa, per volontà propria, reintegrare un soggetto che ancora non ha chiuso i conti con la giustizia. Questo non aiuta certo a riacquistare fiducia, ma ancora una volta allontana chi siede sugli scranni dagli elettori. Se pensiamo che in Parlamento si sta discutendo una legge anti-corruzione, a Pomezia si è messo in atto l’esatto opposto reintegrando amministratori pubblici che con la giustizia hanno un conto aperto. Nel ribadire il nostro fermo no al reintegro di Antonini e la nostra solidarietà al Sindaco, ci auspichiamo che si faccia al più presto chiarezza e che la maggioranza riprenda il proprio cammino visto che ci attendono impegni importanti come la discussione sul bilancio, che andrà chiusa rapidamente, coinvolgendo i cittadini nella sua costruzione ed evitando anche in questo caso che le logiche prevalenti siano altre”.

3 Comments

3 Comments

  1. enzo

    5 Ottobre 2012 - 15:52 at 15:52

    Ma possibile che non ci sia nessuno con un po di buon senso che legga, ancor prima che vengano resi pubblici, questi comunicati? Ma i tangentisti del 2001 oggi seduti in consiglio non vi dicono nulla?? Vi piaccia o no, valori, etica e morale non sono di casa in questa amministrazione e tanto meno nel PD..

    • luigi torreti

      5 Ottobre 2012 - 17:37 at 17:37

      pochi giorni fa fabio fucci ha riproposto tre link sulla vicenda del 2001 (da non confondere con kubric, anche se continua l’odissea nello strazio), cerchiamo di rimetterli insieme (è roba del corriere) e di rileggerla tutti insieme, con i titoli di testa, attori tecnici e registi, il film, i titoli di coda e, come accade nei film nostalgici americani (american graffiti, per esempio, o apollo 13) come e dove sono finiti i protagonisti (personaggi) della storia. mi condolgo in anticipo. il costoso biglietto di questo film lo abbiamo già pagato e continueremo a pagarlo per decenni, quindi tutti possono e devono vederlo.\n\nlo farei personalmente, a modo mio, naturalmente, ma per fortuna (…) non ho tempo per essere tempestivo. quindi fabio, o il direttore, rimettete quei link qui sotto.\n\npeccato che non c’è ancora il premio oscar per la vergogna, ma su questo siamo abbastanza all’avanguardia. ci rifaremo al più presto.\n\ninfine voglio dire con maggiore serietà rivolgendomi alla maggioranza seria e pulita dei cittadini di questa collettività giovane che vuole essere sana civile e serena che quando davanti casa mia passa lo scuolabus io mi emoziono. soprattutto perché la scuola esiste ancora. vedo quei bambini assonnati che vanno comunque a scuola, penso pure ai panini, ma anche e soprattutto al loro futuro, alle loro speranze e ai loro sogni. ricordate i nostri ingenui sogni di bambini? io volevo fare lo scienziato e l’astronauta. e a quelli dello scuolabus dobbiamo dare dei sogni, degli esempi, dei percorsi onesti o delle bugie? oppure lasciare dei debiti fatti prima che nascessero?\n\nandrei pure sul reverendo martin luther king con il suo “i have a dream”, ma non mi permetto il confronto oltraggioso. queste nullità stanno ammazzando anche i sogni e le speranze dei bambini. quando lo eravamo, noi pensavamo di andare sulla luna. domani che facciamo, che a pomezia il sabato è difficile pure arrivare alla pontina? e magari incontri pure qualche consigliere comunale prescritto o non so che.\n\nbuona fine di settimana, ma ‘a nuttata c’ha da ferni’, la dobbiamo far finire noi.

  2. valentino valentino

    5 Ottobre 2012 - 17:39 at 17:39

    Documento che lascia attoniti. Premesso che non nutro alcuna simpatia per Antonini (peraltro ricambiato) chi lo ha messo in lista? Come può il PD sostituirsi alla legge? Venute meno le ragioni che hanno determinato gi arresti domiciliari, il reintegro era un atto dovuto. A emettere sentenze saranno i tribunali e non certo il PD che vuole chiudere la stalla dopo la fuga dei buoi. La verità è che la maggioranza è spaccata. Attendiamo il 31 ottobre

You must be logged in to post a comment Login

Leave a Reply

Tutte le Ultime Notizie dalla provincia di Roma e dall'Italia aggiornate in tempo reale: Cronaca, Politica, Attualità, Sport ed Eventi.
Il Corriere della Città è una testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 19 del 24/09/2009
Contattaci: redazione@ilcorrieredellacitta.it | Preferenze Privacy