Home Ultime Notizie SPESE PER IL PERSONALE: CONTINUANO LE POLEMICHE

SPESE PER IL PERSONALE: CONTINUANO LE POLEMICHE

Nonostante la calma estiva, non si placano le polemiche inerenti le spese sostenute dal Comune di Pomezia per il personale. Oggi il Consigliere Antonio Maniscalco ha inviato al Collegio dei Revisori dei Conti e al dirigente del Settore Personale delle note, attraverso le quali chiede di eseguire alcune verifiche nella gestione contabile del personale dipendente, anche in relazione all’approvazione del Bilancio Consuntivo 2009.\n\nManiscalco contesta la risposta ricevuta dal dirigente del Settore Servizi Finanziari in riferimento alla sua richiesta in materia di spesa per il personale. Il dirigente “al punto 3 – spiega Maniscalco – dichiara, di fatto, di non avere sotto controllo tali spese in quanto “vengono effettuate direttamente dal Settore 1 – Personale” e, siccome ci sarebbero notevoli differenze tra le somme quantificate dal Settore Personale e le somme inserite nella proposta di Bilancio Consuntivo anno 2009 chiedo di verificare se tali differenze siano reali e quali riverberi possono avere sull’intera gestione contabile e fiscale dell’ente (falso in bilancio) e, di conseguenza, ogni eventuale violazione normativa”.\n\n“Chiedo quindi – continua il consigliere – di sapere se nelle spese sostenute dal Comune di Pomezia nel 2009 per il personale, sono stati previsti i costi sostenuti per i rapporti di collaborazione continuata e continuativa, per la somministrazione di lavoro, per il personale di cui all’art.110 del D.L.vo 18/08/2000, n. 267, nonché per tutti i soggetti a vario titolo utilizzati, senza estinzione del rapporto di pubblico impiego, in strutture e organismi variamente denominati partecipati o comunque facenti capo all’ente, i quali, se considerati, avrebbero probabilmente impedito il rispetto degli equilibri finanziari ed il conseguente espletamento dei concorsi pubblici per l’assunzione di personale a tempo indeterminato, in corso di pubblicazione”. Le voci sulle quali Maniscalco punta il dito sono “i contratti in essere nell’anno 2009 presso il Settore Attività Produttive per ciò che riguarda il 3° Settore (Area Vasta), il Settore Finanziario e il Settore Cultura (Museo), come previsto dal comma 557 dell’articolo unico della legge 27/12/2006, n. 296 (Legge Finanziaria 2007)”.\n\nIn caso di mancata quantificazione, il consigliere chiede di procedere nuovamente al ricalcolo delle formule degli equilibri tra le Entrate/Spesa Corrente e Spesa per il personale (anni 2007, 2008, 2009).\n\nTutte domande poste nelle lettere protocollate ora attendono una risposta celere, visto che quanto prima il Bilancio Consuntivo dovrà essere discusso ed approvato.