Home Pomezia Cronaca Pomezia Pomezia Calcio, Bussi indica la strada: «Coltiviamo questo entusiasmo». E su Laghigna...

Pomezia Calcio, Bussi indica la strada: «Coltiviamo questo entusiasmo». E su Laghigna e Gomez…

pomezia calcio Bussi

Pomezia Calcio, Bussi indica la strada: «Ora coltiviamo questo entusiasmo. Laghigna o Gomez? Averne sempre di simili problemi…». Barometro tendente al sereno. L’umore in casa rossoblù rispecchia fedelmente le attuali condizioni meteorologiche e non potrebbe essere diversamente, visto che le ultime due vittorie contro Boreale Don Orione e Grifone
Gialloverde hanno permesso alla squadra di patron Alessio Bizzaglia di scalare posizioni in classifica e di tornare a vedere la vetta non più come un pallido miraggio ma come un approdo
realistico ed una speranza più concreta.

Pomezia Calcio, parla coach Bussi: attesa per il match contro la Vigor Perconti

La giornata di giovedì è dedicata alle riflessioni di mister Andrea Bussi. È il tecnico rossoblù a guidarci idealmente verso la difficile partita di domenica sul terreno della Vigor Perconti. Due settimane fa eravamo sull’orlo della depressione, mentre adesso tocchiamo il cielo con un dito e quasi non vediamo l’ora che arrivi domenica.

Questo ritrovato entusiasmo va cavalcato o calmierato?

«Non ho dubbi: dobbiamo assolutamente cavalcarlo e coltivarlo con tutte le nostre forze. A mio giudizio, in ogni sport di squadra questi momenti vanno vissuti con pienezza, perché ti danno
la possibilità di essere più tranquillo. Secondo me, giocando da collettivo stiamo finalmente trovando la quadra. Merito dei ragazzi che stanno lavorando benissimo».

Vittoria a parte, qual è stato l’aspetto più positivo che hai colto dal match con il Grifone Gialloverde?

«Innanzitutto l’aver visto nuovamente una squadra che in campo lotta e che gioca con umiltà, poi abbiamo costruito anche azioni discrete, come quella che ha portato al gol di Lo Pinto. Di sicuro possiamo migliorare nella gestione della palla totale…».

A voler cercare a tutti i costi il pelo nell’uovo, c’è sempre la solita difficoltà a trovare la via del gol a dispetto della corposa mole di gioco creata nei novanta minuti. Solo una casualità, magari un merito delle difese avversarie o c’è anche dell’altro?

«Mah, tutto è migliorabile. Mi preoccuperei maggiormente se il nostro possesso-palla fosse sterile, ma fino a quando ci permette di avvicinarci costantemente alla porta altrui mi sento tranquillo.
Nel calcio ci sono partite in cui crei due occasioni e realizzi due reti ed altre in cui ne produci una decina e ne fai soltanto una.
Forse ci manca la zampata finale, ma io ho piena fiducia nei ragazzi e nel modo in cui li sto vedendo lavorare durante la settimana».

Domenica rientrerà dalla squalifica Erik Laghigna e si riproporrà il consueto ballottaggio. Hai già deciso chi schierare tra lui e Victor Gomez?

«Sono abituato a tenermi le scelte aperte fino all’ultimo momento, non le comunico neppure ai diretti interessati.
Da allenatore devo avere l’opportunità di valutare tutto fino all’ultimo allenamento settimanale. L’aspetto positivo di questa vicenda risiede nell’avere a disposizione due grandi attaccanti.
È bello avere di questi problemi (ride)…».

Tra gli assenti di domenica scorsa per infortunio chi ha maggiori chance di tornare in convocazione?

«Morelli e Valentino stanno lavorando bene e credo che ci saranno. Piccheri, invece, è ancora alle prese con questo problema al soleo e ci vorrà ancora un po’ di
tempo».

La nostra prossima avversaria sarà la Vigor Perconti, una squadra molto ostica e che viene da due brucianti sconfitte di misura. Saranno privi di giocatori importanti come il centrocampista Bellardini e l’attaccante Finucci. Che tipo di partita ti aspetti?

«Li conosco molto bene e questa è la classica partita che nasconde mille insidie. La Vigor Perconti è una squadra di qualità, hanno facilità di corsa e sono fortissimi nelle ripartenze.
Abbinano 2/3 calciatori di esperienza a tanti ragazzi di prospettiva. Sarà un match molto duro»

Quale interpretazione dovrà dare il Pomezia alla partita?

«A mio giudizio, le gare vanno sempre prese con umiltà e grande rispetto dell’avversario. In campo dovremo mettere corsa, intensità e spirito di gruppo. Quando hai in canna questi valori, dopo puoi pensare all’aspetto meramente tecnico».

Ufficio Stampa SSD Pomezia