Home News Cronaca Pomezia: «Cercasi badante con quinta di seno, vestita con delle bretelle a...

Pomezia: «Cercasi badante con quinta di seno, vestita con delle bretelle a coprire i capezzoli»

pomezia

Chiariamo subito. Sulla veridicità di questo annuncio di lavoro, malgrado gli utenti l’abbiano confermata nei commenti sul sito dove è stato pubblicato, lasciamo liberi voi lettori di crederci o meno. Sta di fatto che, comunque, questa offerta di impiego esiste ed è stata pubblicata su un noto sito web di annunci. Solo che, a causa delle sue – chiamiamole così – “condizioni”, è finito nel mirino di una delle pagine più irriverenti sui social, quella del Signordistruggere. Non sapete chi o cosa sia? Male. Rimediate subito cliccando qui

bretelle

Immagine 2 di 2

Ad ogni modo ecco cosa richiesto da questa famiglia. L’oggetto della richiesta è un impiego come badante per accudire un anziano signore; fin qui nulla di strano. «Cercasi badante dai 30 a 50 anni (pure l’età ci può stare) con esperienza con anziani allettati», si legge. Ecco però arrivare una strana puntualizzazione: «Scrivo io e non mio marito per evitare che possa sembrare un annuncio strano». A dirla tutta è proprio questa frase ad insospettire il lettore. E cavolo se sarà strano. Ma andiamo avanti. 

Dopo aver specificato i giorni e l’orario lavorativo ricercato ecco arrivare la condizione madre che l’aspirante badante deve soddisfare…in tutti i sensi: «Mio suocero non tocca e non allunga le mani ma ha una fantasia forse un po’ particolare. Vuole la badante con almeno una quinta di seno e che una volta la mese entri in camera sua a pulire con addosso una gonna molto lunga fino alle caviglie, scarpe chiuse bene e sopra due bretelle che coprono i capezzoli». Che dire. E non è tutto: «Lo so, lo so…sembra strano (No, perché?) ma lui davvero non tocca e fa anche finta di niente ma poi diventa molto “generoso” anche con noi della famiglia oltre che per la badante e quindi in genere questa cosa si fa il giorno dopo la pensione (chiarissimo). Grazie a tutti e senza giudicare che siete buone certe volte solo a quello».