Connettiti con noi

Cronaca

Roma, pestano selvaggiamente una disabile e il proprietario di un Bar: arrestati 4 Casamonica, ecco i nomi

Pubblicato

il

Nelle prime ore della mattinata odierna personale della Squadra Mobile di Roma, del Servizio Centrale Operativo e del Commissariato Romanina, coadiuvato dal Reparto Mobile e dalle Volanti, ha dato esecuzione ad un’ordinanza di applicazione di misure cautelari in carcere emessa dal G.I.P. del Tribunale di Roma, su richiesta della D.D.A. c/o la locale Procura, nei confronti di 4 appartenenti al Clan CASAMONICA/DI SILVIO, ritenuti responsabile di violenza privata e lesioni personali pluriaggravate dall’aver agito in concorso, dai futili motivi, dall’aver ostacolato la privata difesa, e dall’utilizzo di un’arma impropria, con l’aggravante dell’utilizzo del metodo mafioso, nei confronti del gestore del Roxy Bar e di una donna, cliente del locale.

ROMA, CALCI E PUGNI DENTRO AL BAR: 4 CASAMONICA IN MANETTE, ECCO CHI SONO

Si tratta di:

DI SILVIO Alfredo: nato a Roma, classe 1996, con precedenti di polizia per spaccio e detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente, sottoposto a misura di prevenzione patrimoniale con relativo sequestro di beni; (O.C.C.C.)

DI SILVIO Vincenzo: nato a Frascati (RM), classe 1990, con precedenti di polizia per spaccio di sostanze stupefacenti, sottoposto a misura di prevenzione patrimoniale con relativo sequestro di beni, sottoposto ad avviso orale; (O.C.C.C.)

CASAMONICA Antonio: nato a Roma, classe 1992, con precedenti di polizia per estorsione, spaccio e detenzione di sostanze stupefacenti, rifiuto di indicazioni sulla propria identità personale, falsa attestazione o dichiarazione a un pubblico ufficiale sulla identità personale, sottoposto ad avviso orale; (O.C.C.C.)

DI SILVIO Enrico: nato a Grottaferrata (RM),classe 1947, con precedenti di polizia per rissa, danneggiamento, oltraggio, resistenza e violenza a p.u., lesioni personali, spaccio e detenzione di sostanze stupefacenti, sottoposto a misura di prevenzione patrimoniale con relativo sequestro di beni;(arresti domiciliari)

DISABILE PICCHIATA A ROMA DA 4 CASAMONICA: I FATTI

I fatti risalgono al pomeriggio dell’1 aprile scorso, allorquando all’interno del Roxy Bar, sito in via Barzilai, nel quartiere Romanina, CASAMONICA Antonio e DI SILVIO Alfredo, infastiditi con il barista poiché in quel momento non li stava servendo, si erano rivolti ad una cliente che era in fila alla cassa per pagare un caffè, dicendole “questi rumeni di merda non li sopporto proprio”; irritati dal fatto che la donna avesse preso le difese del titolare del Bar, CASAMONICA Antonio le sfilava gli occhiali che indossava, mentre DI SILVIO Alfredo la picchiava con la cinta.

Nonostante la vittima avesse supplicato i due di cessare la loro violenta condotta, informandoli anche del fatto di essere portatrice di handicap e invalida civile, i due continuavano, imperterriti, con la loro azione violenta: in particolar DI SILVIO Alfredo ha continuato ad aggredirla prendendola per il collo e dandole dei violenti calci sul ventre, facendola rovinare più volte in terra; l’ha poi schiaffeggiata, costringendola in un angolo del Bar, stringendole energicamente il collo e la gola con entrambe le mani fino a farle mancare il respiro; tale circostanza ha procurato vistose ecchimosi ed ematomi sul collo; dopo essersi divincolata, la ROSSI è riuscita a prendere il proprio telefono cellulare per chiamare i soccorsi ma l’apparecchio le veniva strappato dalle mani e portato via da DI SILVIO Alfredo al fine di impedirglielo; questi, inoltre, la minacciava pesantemente dicendo: “io ti ammazzo…ti ammazzo se chiami la polizia…”. Solo dopo aver supplicato DI SILVIO Alfredo, rassicurandolo che non avrebbe chiamato la Polizia, questi gli ha riconsegnato il telefono.

I due poi si allontanavano dal bar a bordo di una Ferrari di colore nero. Trascorsi pochi minuti, DI SILVIO Alfredo è rientrato nel bar insieme al fratello DI SILVIO Vincenzo, con il chiaro e premeditato scopo di aggredire e malmenare, il proprietario, proferendo la frase: “QUA COMANDIAMO NOI”. Subito dopo si avvicinavano al bancone, inveendo contro il gestore, per poi passare alle mani, schiaffeggiandolo più volte fino a raggiungere il bancone, dove poi hanno continuato a percuoterlo con maggior violenza, sferrandogli diversi pugni al volto ed colpendolo in testa con delle bottiglie di vetro.

Non contenti, subito dopo mettevano a soqquadro il locale, sfasciando diversi suppellettili, ma anche alimenti e bevande e proferendo testualmente le seguenti frasi: …“non ti scordare che questa è zona nostra”………”ti ammazzo…ti sistemo io…ti ammazzo”…….”ti faccio chiudere questo bar…devi chiudere questo bar altrimenti ti ammazzo”……”qui comandiamo noi e devi fare quello che ti diciamo”.

A seguito delle violenze fisiche subìte, la cliente è stata costretta a recarsi presso l’ospedale dove è stata refertata con la diagnosi di ”trauma torace/addominale con prognosi iniziale di giorni 20; anche il proprietario del bar è stato costretto a ricorrere alle cure mediche ospedaliere per trauma cranico con ferita lacero contusa al cuoio capelluto che necessitava di diversi punti di sutura, un trauma contusivo all’avambraccio sinistro ed un’escoriazione fianco sinistro, con prognosi iniziale di gg. 8.

Le indagini effettuate, grazie alle ricostruzioni testimoniali e dalle immagini registrate nel sistema di videosorveglianza dell’esercizio commerciale, hanno consentito di individuare sin da subito i responsabili della violenta aggressione, ben conosciuti dagli investigatori.

Nondimeno però sono stati minuziosamente ricostruite tutte le fasi dell’aggressione ed i rispettivi ruoli di ciascun reo che hanno poi determinato le singole responsabilità penali:

DI SILVIO Alfredo e CASAMONICA Antonio hanno specifiche imputazioni in concorso per lesioni personali pluriaggravate dai futili motivi, consistite nell’aver percosso la donna, parzialmente disabile ed invalida civile, e con l’utilizzo di una cintura ;
per aver costretto la medesima con violenza e minacce reiterate a non contattare le forze dell’ordine, sottraendole il cellulare;

DI SILVIO Alfredo e DI SILVIO Vincenzo in concorso per lesioni personali aggravate dai futili motivi, consistite nell’aver colpito violentemente il gestore del bar con un’arma impropria;
per aver costretto i coniugi romeni con violenza e minacce reiterate a tenere il bar chiuso per 2 giorni;
per aver distrutto molti arredi e suppellettili o comunque averli resi in tutto o in parte inservibili;

DI SILVIO Enrico, per aver tentato con violenza e minacce reiterate di costringere i gestori del locale a ritirare la denuncia presentata nei confronti dei suoi nipoti, offrendo anche soldi, e pronunciando la frase fortemente intimidatoria “allora volete la guerra” .

Con l’aggravante per tutti dell’utilizzo del metodo mafioso.

La prepotente rivendicazione dell’egemonia dei CASAMONICA, finalizzata a garantirsi il silenzio omertoso delle vittime e, conseguentemente, l’impunità delle condotte criminose, è proseguita anche nei giorni successivi ai fatti-reato riferiti: infatti, i coniugi romeni, dopo l’aggressione e la devastazione del bar, hanno subito una pressante, reiterata e studiata attività intimidatoria da parte del nucleo familiare DI SILVIO al fine di convincerli a non presentare o ritirare la denuncia nei loro confronti:

in data 1.04.2018
stesso giorno delle aggressioni, I. CASAMONICA con DI SILVIO Alfredo, detto Cristian, tentavano un avvicinamento cauto e non aggressivo al cospetto dei coniugi ROMAN già in ospedale;

in data 3.04.2018
Enrico DI SILVIO, si presentava presso l’attività commerciale delle vittime offrendo denaro per ripagare i danni fatti dai nipoti ed al diniego ricevuto, passava alla fase delle minacce in maniera quasi metodica;

in data 7.04.2018
DI SILVIO Vincenzo si presentava davanti al bar dei rumeni a bordo di un’autovettura, sgommando coi pneumatici al fine di carpire la loro attenzione ed una volta ottenuta, li iniziava a fissare in modo intimidatorio ed in senso di sfida.
DI SILVIO Alfredo sopraggiungeva davanti al locale a bordo di un’autovettura, mentre la ROMAN Roxana era fuori dal locale, indirizzando lo sguardo verso la donna scrutandola con aria di sfida e facendo inequivocabili movimenti con la testa come a voler far intendere che avrebbe sistemato lui le cose.

Importante è rilevare il riconoscimento da parte del G.I.P. nei confronti dei CASAMONICA/DI SILVIO dell’aggravante del “metodo mafioso”, prevista dal nuovo art. 416 bis.1 del c.p., consistito nell’ostentare in maniera evidente e provocatoria una condotta idonea ad esercitare sui soggetti passivi quella particolare coartazione e conseguente intimidazione proprie delle organizzazioni di stampo mafioso ed individuata per la prima volta verso questo numeroso e noto gruppo familiare.


Di Tendenza

Tutte le Ultime Notizie dalla provincia di Roma e dall'Italia aggiornate in tempo reale: Cronaca, Politica, Attualità, Sport ed Eventi.
Il Corriere della Città è una testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 19 del 24/09/2009
Contattaci: redazione@ilcorrieredellacitta.it