Connettiti con noi

Cronaca

Roma, prima sfrattata, poi minacciata di morte e aggredita: salvata dalla figlia di 7 anni

Pubblicato

il

Il periodo di pandemia che stiamo vivendo ha messo in ginocchio molte famiglie, causando dei veri e propri disagi socio-economici a tutta la popolazione. L’assurda storia che segue è solo uno dei tanti esempi di alcune realtà che spesso vengono sottovalutate finendo facilmente nel dimenticatoio.

La protagonista di questa vicenda è una donna che vive con la sua bimba di 7 anni in un appartamento. Un giorno, però, arriva la notifica di sfratto senza proroga, ma non solo: la donna è stata sottoposta a minacce e aggressioni fisiche. La testimonianza della violenza inaudita è stata raccolta da Unione Inquilini.

Cosa è “Unione inquilini”

Unione inquilini nasce come “la pagina dei comunicati sia nazionali che locali. Un punto di riferimento per gli operatori dell’informazione. Per la necessità di far conoscere le attività e le iniziative dell’Unione Inquilini.”

“Vogliamo raccontarvi le storie degli inquilini che vivono sulla propria pelle il dramma della precarietà abitativa. Con la pandemia tantissime famiglie hanno perso il proprio reddito e oggi sono impossibilitate a pagare l’affitto. (…) Oggi raccontiamo una storia di inaudita violenza ai danni di un inquilina che dopo aver perso il lavoro e la coinquilina con cui divideva l’affitto, sola con una bambina, si è vista minacciare di morte dal proprietario. La signora si è salvata da una violenta aggressione dei vicini di casa grazie alla figlia di 7 anni, ora sotto shock, che ha avuto la prontezza di chiamare le forze dell’ordine intervenute per salvarle. L’inquilina ha ascoltato chiaramente i proprietari ingaggiare, con la promessa di un regalo, i vicini di casa, come da querela presentata ai carabinieri, di obbligare la signora a lasciare l’appartamento.”

La testimonianza

“Ho perso il lavoro a marzo a causa del Coronavirus. Da aprile non sono più riuscita a pagare l’affitto”, ha testimoniato la donna in una video intervista. “Sono stata costretta a chiamare i carabinieri per più di cinque volte. (…) Ad agosto il proprietario e la moglie mi hanno minacciato, la mia bambina piangeva, io ho chiamato i carabinieri e mi hanno detto di chiudermi dentro casa e di non uscire (..) Sento le loro grida ogni volta che capiscono che sto uscendo di casa. Fanno rumore anche a notte fonda per disturbarmi. Io non dormo più. La mia bambina non vuole più uscire per andare a scuola”.

L’episodio più grave si è verificato alla fine del 2020, il 30 dicembre: “Mentre stavo uscendo tre persone, un uomo e due donne, mi hanno accerchiato. Io ho cercato di mettere in salvo la mia bambina, di farla rientrare dentro casa. Mi hanno preso il braccio e il collo e mi hanno dato dei pugni e delle botte. Mia figlia ha preso il telefono e ha chiamato i carabinieri che sono arrivarti poco dopo. Allora hanno minacciato anche lei. Quando sono arrivati hanno chiamato un’ambulanza che mi ha portato al pronto soccorso”.

Tutte le Ultime Notizie dalla provincia di Roma e dall'Italia aggiornate in tempo reale: Cronaca, Politica, Attualità, Sport ed Eventi.
Il Corriere della Città è una testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 19 del 24/09/2009
Contattaci: redazione@ilcorrieredellacitta.it | Preferenze Privacy