Connettiti con noi

News

Sanremo 2019, canzone Nino D’Angelo e Livio Cori: testo, significato, audio e video “Un’altra luce”

Pubblicato

il

Nino D’Angelo e Livio Cori

Canzone Nino D’Angelo e Livio Cori Sanremo 2019. Al Teatro Ariston di San Remo per l’edizione 69 del Festival della Canzone Italiana in gara anche Nino D’Angelo e Livio Cori.

I due cantanti porteranno sul palco di Sanremo 2019 la canzone “Un’altra luce“, un brano che porta a riflettere sul tempo che passa e sui segni che questo lascia sul nostro volto. Il brano mixa la lingua italiana al dialetto. Di seguito il testo completo del brano “Un’altra luce” di Nino D’Angelo e Livio Cori.

Sanremo 2019: cantanti in gara e tutti i testi delle canzoni

Sanremo 2019: testo canzone Nino D’Angelo e Livio Cori “Un’altra luce”

Je te veco accussì
Luce nel tuo sorriso
Anche quando c’è il vento contro
Quando il buio si fa profondo
Je te veco accussì
E sembra che il paradiso
Si nasconda anche in questo mondo
Dove un giorno dura un secondo
Curre ‘ngopp a nu filo senza mai cade’
Si ‘a rint tien a guerra nun o faje vedè
Pare ca l’abitudine nun fa pe te
Quando dici sti cose tu assumiglie a me

Tu assumigli a me
Tu assomigli a me
Tu assomigli a me
Mai nessuno ha mai capito come
Scaldarmi quanto il sole
Ma tu sicuro sai illuminarmi dove
L’ombra raffredda il cuore
Famme vedè (famme vedè) addo arriva sta luce famme vedè (famme vedè)
Famme vedè (famme vedé) addo arriva sta luce famme vedè
Famme vedè

Te posso da ogni luce ca nun tieni
Na luna ngopp o mare ca t’accumpagna a sera
Te posso da cient’ uocchie che t’appicciano ‘a vita
Quanno nun ce crire
Quanno nun ce crire
Je te veco accussì
Quella faccia pulita
Si è sporcata coi graffi del tempo che fugge
Che colpisce ma non ci distrugge
Je te veco accussì
Mentre passa una vita
E io non me ne accorgo perché mi ha distratto
Quell’idea di non essere adatto
‘E vote na parola ca nun vuo sentì
È a chiave e na raggione ca nun saie capì
E vote na parola te po fa vedè
O bello ca nun vide ma sta attuorno a te

Attorno a te
Attorno a te
Mai nisciuno (mai nessuno) te po arrubà nu suonno
Si tu nun ‘o raccunte
Stai sicuro (stai sicuro)
Ca si rispiette l’onne o’ mare nun t’affonna
Famme vedè (famme vedè) addo arriva sta luce famme vedè (famme vedè)
Famme vedè (famme vedè) addo arriva sta luce famme vedè
Famme vedè (famme vedè) addo arriva sta luce famme vedè (famme vedè)
Famme vedè (famme vedè) addo arriva sta luce famme vedè
Te posso da ogni luce ca nun tieni (ca nun tieni)
Na luna ngopp o mare ca t’accumpagna a sera
Pe te fa ascì a stu scur ca te ten prigiuniero
Te posso da cient’ uocchie che t’appicciano ‘a vita
Ma sarà sempe scuro si nun ce crire si nun ce crire
Si nun ce crire.

https://www.youtube.com/watch?v=6TTunF7J0e0


Di Tendenza

Tutte le Ultime Notizie dalla provincia di Roma e dall'Italia aggiornate in tempo reale: Cronaca, Politica, Attualità, Sport ed Eventi.
Il Corriere della Città è una testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 19 del 24/09/2009
Contattaci: redazione@ilcorrieredellacitta.it