Home News Sport SOS Muta stagna: guida alla scelta del modello perfetto

SOS Muta stagna: guida alla scelta del modello perfetto

La muta stagna è indispensabile per coloro che praticano immersioni subacquee ed è quindi uno dei primi acquisti che ci si ritrova a fare sin dalle prime volte. Se infatti si possono noleggiare, le mute generalmente hanno dei costi non proprio accessibili quindi può essere una buona idea pensare al noleggio per un paio di volta, ma poi diventa un’inutile spreco di soldi. Meglio acquistarla, in modo da averla a disposizione per diversi anni: la muta è destinata a durare a lungo quindi vi consiglio di non badare troppo a spese. Parliamo di un indumento davvero indispensabile, che può influenzare anche parecchio la nostra esperienza sott’acqua. Vale quindi la pena sceglierla con cura e optare per una buona marca, in modo da poter contare sulla propria muta per diverso tempo.

 

  • Dove acquistare una buona muta stagna

 

I negozi specializzati non sono moltissimi, quindi conviene sempre acquistare la muta stagna e tutta l’attrezzatura professionale per le immersioni online anche perché in rete si trovano prezzi decisamente più convenienti. Ci sono portali in cui puoi scegliere la tua muta da subacqueo e hai addirittura la possibilità di testarla, quindi vale proprio la pena acquistarla online. Naturalmente però prima conviene sempre capire quale sia il modello più adatto e in particolare decidere che tipo di materiale sia più indicato per le proprie immersioni.

 

  • Perchè scegliere una muta stagna?

 

Rispetto alla muta umida, quella stagna permette ai subacquei di immergersi in qualsiasi stagione dell’anno ed è notevolmente più comoda. Una volta che la si prova è impossibile farne a meno perché permette di vivere tutt’altra esperienza rispetto a quella umida!

 

  • Muta stagna: meglio neoprene o trilaminato?

 

Quando si arriva al punto di scegliere una nuova muta stagna ci si trova sempre in difficoltà, perché esistono due modelli principali e decidere quale dei due acquistare è sempre un bel dilemma. Le mute in neoprene e quelle in trilaminato sono diverse ma presentano entrambe dei vantaggi e degli svantaggi che vale la pena considerare.

 

  • Muta stagna in neoprene: vantaggi e svantaggi

 

La muta stagna in neoprene è più sottile rispetto a quella in trilaminato ma comunque ha una buona impermeabilità. Il vantaggio maggiore è che risulta più calda ma al tempo stesso bisogna anche considerare che è leggermente più pesante. In confronto alle mute in trilaminato, quelle in neoprene aderiscono maggiormente al corpo il che significa che sono sicuramente un po’ più scomode da indossare ma una volta in acqua consentono una maggior mobilità. Inoltre, sempre grazie all’aderenza, si riduce il problema delle sacche d’aria.

 

  • Muta stagna in trilaminato: vantaggi e svantaggi

 

La muta stagna in trilaminato ha lo svantaggio di non isolare il corpo termicamente, quindi bisogna indossare degli indumenti che siano in grado di riscaldare al di sotto di questa muta. Questo può essere visto come una svantaggio, ma in realtà la rende anche più versatile perché la si può utilizzare in acque fredde o calde: basta sostituire gli indumenti che vengono indossati sotto. Si asciuga molto velocemente ma non riduce al minimo il problema delle sacche d’aria e potrebbe rendere la risalita leggermente più difficoltosa.