Connettiti con noi

News Tecnologia

Chi e cosa fa il consulente SEO

Pubblicato

il

Attualmente, pochi, se non coloro che lavorano online, sanno ciò che fa un consulente SEO. Gstarseo.it consulente seo Milano ci spiega vita, morte e miracoli di questo lavoro che affascina sempre più persone.

Studi minimi effettuati da un consulente SEO

Non richiesti! O almeno non studi regolati nella linea di altre aree del mondo del marketing online. Ma certo, bisogna essere realistici: una persona che non ha mai provato un minimo di curiosità per le novità, o che non ha avuto la pazienza di leggere, o che vede direttamente codici e testi misti e cade a pezzi, probabilmente non avrà molto successo come esperto SEO.

Per diventare SEO devi aver fatto l’università?

No. Un SEO ha bisogno di curiosità, competenze, agilità mentale, pazienza e un computer. Né denaro, né una laurea in ingegneria. Naturalmente, quando si raggiungono determinati livelli di istruzione, le sfide che una persona affronta aumentano, strumenti per sviluppare in ambienti meno favorevoli e un occhio sempre più attento a valutare le sfide che si presentano. Ma è importante sottolineare che non è assolutamente essenziale avere una laurea; Un ventenne che all’epoca non aveva terminato le scuole superiori potrebbe oggi essere un migliore SEO di un una stessa persona con in possesso una laurea o un dottorato.

 cosa fa un consulente SEO?

Il mondo del posizionamento sui motori di ricerca è molto ampio e quindi difficilmente gestibile dalla stessa persona in tutta la sua estensione; ci sono consulenti i cui punti di forza differiscono da quelli degli altri. È un fenomeno ricorrente in tutte le professioni della storia dell’umanità e il consulente SEO non fa eccezione in questo senso. Tuttavia, ci sono una serie di competenze base che sono essenziali per poter dire che si opera online come SEO specialist.

SEO on page: audit interni

Il controllo della parte on page è uno dei compiti più importanti di un consulente SEO. Deve essere in grado di analizzare un sito web internamente ed esternamente. Deve conoscere il codice HTML (se è in grado di analizzare Javascript, php e cssè il top) e sapere quali linee di codice o tag rallentano il sito web.

In un audit, ovviamente, è inclusa anche l’analisi delle parole chiave. Le Quali se ben strutturate ti fanno apparire nella parte superiore dei motori di ricerca.

SEO off page: la famosa scienza della creazione di link

La costruzione di link è importante almeno quanto una buona strategia on page. Ma a livello di priorità, qual è la più importante? Difficile da dire perché entrambe possono pesare sempre in relazione a diversi fattori. Un consulente SEO, grazie all’utilizzo di alcuni strumenti, è in grado di vedere quali pagine web contengono link che puntano ai tuoi e valutare se si tratta di link utili o dannosi.

Studio sulla concorrenza

La competizione, come puoi immaginare, è nella tua stessa situazione. Ha una strategia on page forte, una strategia di backlink altrettanto forte ma nessuno riesce ad eccellere. Non dimenticare mai che la concorrenza ti osserva, quindi non dovresti mai smettere di vedere cosa fa. Inoltre, lo studio dei tuoi concorrenti ti permetterà di segnare un percorso da seguire, con il quale se ben seguito potrai superarli.

Campagne SEO

Se non sei fiducioso nella parte operativa, il consulente SEO ti da una mano. Non solo si occupano della parte on e off page ma la mettono in pratica. Sanno come accedere al codice web di un sito e modificarlo.

Monitoraggio e tracciamento

Un ottimo lavoro SEO cessa di essere ottimo automaticamente se i cambiamenti che provoca non vengono monitorati periodicamente. Spetta al  consulente SEO farlo, nonché apportare variazioni nella strategia precedentemente stabilita al fine di ottimizzare la crescita, poiché per un’ottima pianificazione che è stata fatta, possono sempre verificarsi eventi imprevisti.

Campagne SEM

Non è un obbligo, ma l’ambiente web di lavoro è così simile all’ottimizzazione dei motori di ricerca che molti consulenti SEO sono autentici esperti di pubblicità su Google. Le campagne SEM, come le campagne seo, prevedono anch’esse una ricerca di parole chiave, uno studio della concorrenza, la progettazione di una strategia e una buona esecuzione, riducendo al minimo i costi e aumentando rapidamente il traffico al sito.

Consulenza SEO

Questa volta ci riferiamo al termine nel senso più prosaico della parola; consulenza pura e dura. Siamo di coloro che pensano che non sia necessario assumere un servizio completo – con le sue spese conseguenti – se si ha già un’idea chiara di ciò che si desidera e occorre solo risolvere tre problemi o dubbi; Pertanto, riteniamo che chi si occupa della parte di consulenza possa andare ad incidere su una o più parti del lavoro legato all’ottimizzazione.

Su larga scala e senza approfondire ciascuno di essi, sapere come svolgere una o più delle attività sopra elencate è ciò che rende un consulente SEO un professionista.

Con quali strumenti SEO sviluppi la tua attività?

La verità è che esiste una quantità immensa, ma ne citeremo solo alcuni in base al campo di utilizzo che si desidera dare.

Ricerca parola chiave

Inizieremo con le parole chiave. L’abc del posizionamento sui motori di ricerca, che non è altro che la ricerca di parole chiave che il consulente SEO svolgerà su un sito Web con il suo volume di ricerca, concorrenza, difficoltà, il luogo in cui le ottimizziamo, ecc.

Qui troviamo il nostro fedele SEMrush, uno degli strumenti fissi di qualsiasi SEO. La sua efficienza e versatilità giustificano il suo prezzo relativamente alto, sebbene esista anche una versione di prova gratuita.

Introdurremo il nostro URL e conosceremo le parole chiave con le quali posiziona la nostra pagina, il ranking, e le sue stime di traffico. A complemento delle parole chiave di SEMrush troviamo Übersuggest, uno strumento che suggerirà le parole chiave correlate al nostro sito e ci permetterà di scaricarle con un clic. Davvero prezioso come rinforzo della strategia di qualsiasi professionista, poiché anche il consulente SEO più esperto ignora una parola nella loro pianificazione.

In effetti, ti dico che fino a poco tempo fa il più forte era un semplice suggerimento. Cioè, ti ha dato solo suggerimenti di parole chiave basati su uno o più. Ora lo strumento è stato acquisito dal noto Neil Patel e ha anche iniziato a offrire volumi di ricerca. Gratuito, cosa che AdWords Planner non fa.

Oltre a questi ce ne sono altri in cui non approfondiremo. Ecco l’elenco degli strumenti SEO più comunemente usati per fare ricerca di parole chiave:

SEMRush

Pianificatore di parole chiave AdWords

Übersuggest

kW finder

Keywordtool.io

Posizionamento del dominio

Parliamo in modo generale. Come si posiziona un dominio? Con quali espressioni gli utenti accedono a un sito Web durante la ricerca da Google?

Qui riappare SEMrush, uno dei migliori strumenti per questo grazie al suo database sempre più grande. Ahrefs e Sistrix seguono da vicino e Search Console aiuterà i SEO specialist a conoscere le espressioni esatte con cui la nostra pagina appare nelle SERP quando gli utenti effettuano una ricerca.

Ovviamente, gli strumenti di pagamento SEMrush, Ahrefs e Sistrix ci consentiranno di analizzare noi stessi e la concorrenza, a differenza di Google Search Console può essere utilizzata solo per il nostro dominio.

Analytics

Cosa succede quando un utente accede al nostro sito Web? Come si comporta? Quali pagine visita? Tutte queste informazioni, particolarmente utili, ci vengono fornite da un altro strumento della suite Google: Analytics, che si integra perfettamente con Search Console.

Stato di salute di un sito Web

Per conoscere gli errori che un web ha – quali sono gli errori dei motori di ricerca possiamo usare di nuovo Search Console. A livello di indicizzazione è lo strumento migliore che esista, ma non l’unico.

SEMrush ha anche una sezione che controlla i siti Web, così come altri come Ahrefs, Moz, Sistrix, Majestic, Screaming Frog o Xenu, questi ultimi due lavorano localmente.

Link building

Per tutto il lavoro di SEO off page possiamo fare due cose: prendere uno strumento specializzato in link building o utilizzare uno o più che non sono specializzati, ma che possono completarsi a vicenda.

Come strumento specializzato mi piace molto Ahrefs. Dato che non siamo specializzati ma che aiutano nelle campagne di link building di qualsiasi agenzia SEO possiamo trovare SEMrush, Majestic, Sistrix o Moz, oltre a Search Console.

Monitoraggio delle parole chiave

Il monitoraggio delle parole chiave è, indipendentemente dalla ridondanza, la chiave per vedere quanto sia efficace il nostro lavoro. Ancora una volta disponiamo di strumenti SEO che possono darci una mano: parliamo di SEMrush o Ahrefs, per esempio.

Tuttavia, ci sono quelli specializzati che lavorano con grande precisione a livello locale. Ad esempio, il famoso SEObox, che deve solo essere collegato al router di casa.

Esistono consulenti seo diversi?

Sì e no, in assenza di una laurea o di un titolo di studio regolamentato non possiamo parlare di uno specialista seo a 360 gradi, ma possiamo differenziare leggermente in base alla loro esperienza in settori specifici. Un profilo SEO più strategico gestirà progetti, stabilirà obiettivi, interpreterà analisi, esaminerà la documentazione e analizzerà la reputazione digitale di un’azienda.

Il profilo più tecnico capirà perfettamente HTML, css e php, gestirà tag e meta tag, gestione degli errori 400 e 500, file di backend come .htaccess, accesso di robot con robot.txt, adattamento a telefoni cellulari o link interrotti, tra le altre attività. Il tecnico è forte su tutto ciò che riguarda l’indicizzazione.

Il SEO più analitico produce e interpreta grafici, metriche, analisi, tendenze e tutto ciò che è misurabile. Analizzerà e confronterà i tuoi risultati con quelli della concorrenza, monitorando le tue campagne.

Abbiamo anche lo specialista dei contenuti SEO, che è responsabile di tutto il contenuto di un sito Web orientato al SEO. Definire e implementare le parole chiave e garantire che il contenuto sia unico, indicizzabile e di qualità agli occhi di Google e degli utenti.

Infine, come possiamo nominare il consulente SEO che è uno specialista in tutto ciò che abbiamo visto? Diciamo che in qualità di esperto SEO, senza dubbio: conosce tutti i settori del settore, i suoi strumenti, sa come stabilire strategie, campagne di diffusione locali, nazionali e internazionali, sa dove cercare concorrenti e non ha dubbi sulla valutazione della fattibilità di un progetto. Un esperto SEO è un consulente seo a 360 gradi.

È sempre stato così?

Un decennio fa, quando la SEO iniziò a essere un servizio domandato dalle aziende, i creatori di contenuti pubblicarono grandi volumi di testo pieni parole chiave. I social network sono stati bombardati e il traffico organico è diventato opportunità di vendita attraverso offerte di contenuti protetti.

La cosa è cambiata un po ‘ al giorno d’oggi. Le parole chiave o la presenza sui social media non hanno perso importanza, ma hanno subito cambiamenti nel modo in cui vengono interpretati e posizionati dai motori di ricerca, nella stessa misura in cui l’utente ha aumentato il numero medio di parole della sua ricerca da 2 a 5 ed esegue il 20% delle sue ricerche vocali .

Questo cambiamento ha causato alcune modifiche nell’approccio di Google, che ora raggruppa parole semanticamente e morfologicamente simili, molto più orientate a ciò che gli utenti stanno cercando, dando maggiore rilevanza ai contenuti che l’utente percepisce come essere di qualità (per soddisfare la loro query), invece di premiare il posizionamento per l’inclusione più o meno efficace di determinate parole chiave.

 


Di Tendenza

Tutte le Ultime Notizie dalla provincia di Roma e dall'Italia aggiornate in tempo reale: Cronaca, Politica, Attualità, Sport ed Eventi.
Il Corriere della Città è una testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 19 del 24/09/2009
Contattaci: redazione@ilcorrieredellacitta.it