Connettiti con noi

Cronaca

Un anno fa 700 morti al giorno, coprifuoco, ristoranti aperti solo a pranzo (in zona gialla), centri commerciali chiusi il weekend: il confronto

Lo scorso anno di questi tempi erano state introdotte restrizioni severe: oggi invece è ancora tutto aperto. E i dati sull’andamento della pandemia confermano i benefici della vaccinazione

Pubblicato

il

covid scorso anno

Nel dibattito frenetico del greenpass, pro vax, no vax, e così via spesso si perde di vista, facendolo scivolare in secondo piano, il tema delle “aperture”. Sì perché, piaccia o non piaccia, a seconda delle proprie posizioni in merito al vaccino anti Covid, lo scorso anno di questi tempi stavamo di gran lunga peggio. Il Dpcm del 3 novembre aveva infatti già introdotto tutta una serie di restrizioni che sarebbero poi state inasprite sotto Natale.

Chiaramente non vogliamo sminuire l’aspetto sanitario, tutt’altro: l’andamento della pandemia da Covid-19, in termini di contagi e ospedalizzazioni, resta prioritario ma anche qui le differenze, in meglio, sono tangibili. Ecco dunque il confronto a 360° con novembre 2020. 

Covid, la situazione a novembre 2020: differenze evidenti nell’Italia a colori 

Il primo dato che salta all’occhio è la differenza nei colori delle regioni. Lo scorso anno, il 25 novembre, avevamo già diverse regioni in rosso e in arancione mentre le zone gialle si contavano sulle dita (tra queste c’era il Lazio). Oggi l’Italia è tutta bianca, tranne il Friuli da lunedì.

Fare un confronto però è davvero complicato perché lo scenario è mutato radicalmente: non c’erano i vaccini, i parametri stessi che determinavano i colori erano diversi – c’era il tanto criticato valore “RT” mentre non si teneva conto dei parametri ospedalieri (peraltro introdotto prima dell’estate) – non aveva fatto ancora la comparsa la variante Delta. 

covid scorso anno

Coprifuoco, ristoranti aperti solo a pranzo, centri commerciali chiusi nei festivi e prefestivi: oggi è un’altra storia

E’ allora nel pacchetto delle restrizioni generali che si possono trovare alcune differenze. A novembre 2020 innanzitutto c’era già il coprifuoco alle 22.00. Per lo sport erano consentiti soltanto eventi e competizioni di rilevanza nazionale. E i centri commerciali? Chiusi nei festivi e prefestivi.

Restrizioni erano in vigore anche per la ristorazione aperta sì ma solo a pranzo e in zona gialla. Insomma sono solo alcuni esempi – altro aspetto: le superiori erano in DAD – che evidenziano però gli enormi passi in avanti fatti in questi mesi. Oggi, di fatto, seppur con il green pass (e tra poco quello “rafforzato”) è tutto aperto, compresi gli stadi o i teatri. 

I contagi: va meglio o peggio rispetto allo scorso anno? I numeri

Altro tema complesso da affrontare è quello dei contagi, dato che tra le tesi portate avanti dai “no vax” vi è quella che la vaccinazione non abbia portato più di tanto benefici sotto questo aspetto considerando che comunque i vaccinati possono contrarre e in caso diffondere il virus

«C’è qualcuno che sottolinea che ci siano più contagi tra i vaccinati che tra i non vaccinati – spiega a tal proposito l’Ing. Professore Luca Andreassi dell’Università di Tor Vergata – “Qualcuno” che, evidentemente ha problemi con la scienza a tutto tondo. Non solo con la medicina ma anche con la matematica. Infatti, se è vero (rapporto ISS, tabella sotto) che nel mese 8 ottobre-7 novembre il 60% dei nuovi contagi è rappresentato da vaccinati, si vede chiaramente come, rapportando i dati in relazione alle due platee distinte, si scopre che su 100.000 vaccinati se ne infettano 150. Su 100.000 non vaccinati se ne infettano quasi 800, e si scopre che su un milione di vaccinati ne entrano in terapia intensiva 7, su un milione di non vaccinati ne entrano 70».

A novembre 2020, ancora, “la soglia d’allerta delle terapie intensive del 30% risultava superata a livello nazionale (43%) e in diverse regioni: la Lombardia, uno dei territori più colpiti, era al 65%”come riporta SkyTg24. Oggi il dato Nazionale (dati Agenas) parla di 6% delle terapie intensive occupate da pazienti Covid e dell’8% per l’area medica. E un anno fa, esattamente il 26 novembre 2020, si erano verificate 822 vittime, ieri 51, mentre i contagi giornalieri erano oltre il doppio.

Grafico “Contagi settimanali su 100. 000 abitanti” a cura del Prof. Luca Andreassi 

In Ospedale per Covid: «Due su tre non hanno alcun tipo di vaccino»

Ma chi finisce in Ospedale? Il 66% dei ricoverati non ha ricevuto alcuna dose di vaccino o non ha completato il ciclo vaccinale. Da notare anche il peso delle comorbidità particolarmente alto fra i vaccinati: il 70% dei pazienti vaccinati finiti in Rianimazione è affetto da cardiopatia, obesità grave, diabete, broncopneumopatia cronica ostruttiva, neoplasia, o si tratta di pazienti dializzati, trapiantati o immunosoppressi, sui quali può essersi verificato un fallimento vaccinale causato proprio dalle patologie”, fa sapere la Rete delle Aziende Ospedaliere. 

In rianimazione il 16% degli ospedalizzati è non vaccinato contro l’8,9% degli ospedalizzati vaccinati. Il rischio è dunque doppio tra i non vaccinati“, prosegue il report. E ancora: “L’età media dei ricoverati subisce uno scostamento in base allo stato vaccinale: i pazienti vaccinati con ciclo completo hanno in media 74,2 anni, mentre i non vaccinati 62 anni. Si osserva una prevalenza di non vaccinati fra i ricoverati e di età notevolmente più giovane“.

Vaccini: salvate 470mila persone

A tal proposito ieri l’Istituto Superiore di Sanità ha pubblicato i risultati di uno studio condotto al livello Europeo che ha evidenziato come “i vaccini abbiano già salvato 470mila persone, e dove è maggiore la copertura sale la proporzione dei decessi evitati, che in Italia sono almeno 35mila”.  La conferma dell’efficacia vaccinazione (dati gennaio-settembre) è anche nei 79mila ricoveri evitati”. 

Chi è vaccinato è più protetto 

Sebbene gli studi mostrino una graduale riduzione della protezione generalmente dopo sei mesi dal completamento del ciclo vaccinale, come ormai sembra accertato, la probabilità di contrarre il virus è ridotta comunque della metà (55%). Ma in ogni caso resta alta l’efficacia contro le malattia grave: l’82% (vaccinati da oltre sei mesi) rispetto ai non vaccinati, che sale al 92% per quelli che hanno completato il percorso vaccinale da meno di sei mesi.

Il super green pass e l’assenza di alternative

Insomma, da comunque la si guardi la vaccinazione sembra essere l’unica strada concreta per cercare di superare l’emergenza sanitaria. L’alternativa, in caso contrario, sono restrizioni e chiusure, come nel 2020. Ovviamente è presto per affermare che il Natale di quest’anno sarà diverso ma intanto, come scritto in apertura, rispetto allo scorso anno ci sono state significative differenze. 

 


Di Tendenza

Tutte le Ultime Notizie dalla provincia di Roma e dall'Italia aggiornate in tempo reale: Cronaca, Politica, Attualità, Sport ed Eventi.
Il Corriere della Città è una testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 19 del 24/09/2009
Contattaci: redazione@ilcorrieredellacitta.it