Connettiti con noi

News

Vantaggi e Benefici della Magnetoterapia

Pubblicato

il

Magnetoterapia

Una delle tecniche riabilitative maggiormente salita alla ribalta negli ultimi anni è sicuramente la magnetoterapia. Recentemente, per l’appunto, questa pratica sta trovando sempre più spazio in tutti quei soggetti che richiedono un percorso terapeutico e di riabilitazioni specialmente a livello osseo o muscolare.

Oggigiorno, inoltre, sono molteplici le modalità con cui si può accedere per beneficiare di questa pratica: dai centri specializzati, a macchine noleggiate (spesso a costi elevati) fino a dispositivi più pratici e apparecchiature magnetoterapia come MyMed Professional che attraverso programmi specifici selezionabili consente di intervenire ad ampio spettro sul nostro corpo.

In questo articolo cercheremo allora di capire come mai questa tecnica sta diventando sempre più diffusa e soprattutto quali sono i vantaggi e i benefici della magnetoterapia.

Magnetoterapia: cos’è e principali benefici

Una volta individuato il campo d’azione in cui ci muoviamo quando parliamo di magnetoterapia, è bene chiarire cos’è e quali siano le principali funzioni in modo da coglierne anche i relativi vantaggi.

La magnetoterapia è dunque una tecnica che deve il suo nome all’utilizzo di campi magnetici per influire positivamente sul nostro organismo soprattutto a livello osseo e muscolare. Più nello specifico, questa pratica si serve di macchinari specifici che generano tali campi magnetici la cui azione aiuta a ristabilire il giusto equilibrio biochimico a livello cellulare, in modo da consentire alla membrana cellulare il corretto svolgimento delle proprie funzioni.

Per semplificare questo concetto abbastanza impegnativo, possiamo dire che una membrana polarizzata vedrà le proprie cariche negative e positive presenti a livello cellulare equamente distribuite. Al netto di questa parentesi scientifica, possiamo sottolineare uno degli aspetti principali delle onde elettromagnetiche coinvolte in questa terapia: nello specifico, bisogna chiarire che nella magnetoterapia si utilizzeranno onde non ionizzanti che si caratterizzano da quelle ionizzanti perché risultava meno invasive nella loro azione di penetrazione all’interno dei nostri tessuti.

In questo modo, non si avrà alcun rischio biologico dall’utilizzo della pratica perché organi e tessuti non assorbiranno tali onde. È questo il meccanismo che consente di applicare la magnetoterapia soprattutto nel trattamento di dolori e infiammazioni perché può agire secondo una duplice modalità: da un lato abbiamo l’effetto analgesico, dall’altro quello antinfiammatorio a cui si unisce l’effetto rigenerativo dei tessuti.

Proprio a proposito di quest’ultimo punto occorre chiarire che i diversi benefici apportati dalla magnetoterapia cambiando a seconda delle modalità d’esecuzione. Al giorno d’oggi, difatti, esistono due tipologie definita ad alta o bassa frequenza, termini con cui si indica per l’appunto la frequenza di onde emanate dal dispositivo.

In particolare, quando ci ritroviamo dinanzi a casi che coinvolgono le ossa e che quindi richiedono un’azione rigenerativa dei tessuti o magari deposito di calcio, si utilizzerà la magnetoterapia a bassa frequenza. Diversamente, per le patologie che comportano infiammazioni o forte dolore si mostrerà più efficace quella ad alta frequenza.

Magnetoterapia: vantaggi dell’utilizzo

Quanto riportato nel paragrafo precedente ci indirizza chiaramente nell’apprendimento dei tanti benefici portati dalla magnetoterapia. A completamento di quanto riportato finora, possiamo menzionare una serie di patologie specifiche per cui tale tecnica è particolarmente indicata, al fine di chiarire ulteriormente il suo impiego odierno. Eccone un breve elenco:

  • Artrosi e artrite
  • Dolori muscolari
  • Lombalgia
  • Ernia del disco
  • Tunnel carpale
  • Osteoporosi
  • Malattie reumatiche
  • Distorsioni
  • Epicondilite
  • Vene varicose

A tutto questo vanno poi aggiunti una serie di vantaggi che completano l’analisi sull’utilizzo della magnetoterapia e che riguardano diversi fattori. In quest’ottica, dunque, occorre subito specificare che questa pratica non presenta effetti collaterali e, come già anticipato, si presenta per nulla invasiva per il nostro organismo e quindi non va a contaminarne l’integrità. Inoltre, anche durante l’applicazione non è dolorosa né tanto meno provoca fastidio alcuno; se poi si analizzano i dispositivi come MyMed Professional all’elenco di vantaggi possiamo aggiungere la facilità di utilizzo oltre all’aspetto economico che in generale per questa tipologia di trattamento può rivelarsi meno dispendioso rispetto a molte altre pratiche.

 

Tutte le Ultime Notizie dalla provincia di Roma e dall'Italia aggiornate in tempo reale: Cronaca, Politica, Attualità, Sport ed Eventi.
Il Corriere della Città è una testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 19 del 24/09/2009
Contattaci: redazione@ilcorrieredellacitta.it | Preferenze Privacy