Connettiti con noi

News

Variante Delta in Cina, è allarme per nuovi focolai: ‘Situazione grave’

Pubblicato

il

variante delta in cina

Torna la paura in Cina. Dopo quasi sei mesi in cui il numero dei contagi è stato pari a zero lo scorso mercoledì si è registrato a Pechino il primo caso di Covid-19. Circostanza che si inserisce nel bel mezzo del lavoro fatto dalle autorità cinesi per evitare la diffusione della Variante Delta. Diversi i infatti i casi collegabili a questa mutazione registrati presso all’aeroporto di Nanchino. Proprio lo scorso mercoledì sono stati registrati in Cina 46 nuovi casi, 24 dei quali legati ad infezioni locali mentre 3 provenienti da altre province. Secondo la National Health Commission il totale dei casi associati al focolaio aeroportuale, sarebbe almeno di 175 positivi. La circolazione del virus oltre i confini locali non manca di suscitare preoccupazione nei leader del paese che nonostante i numeri rispetto alla popolazione siano bassi, parlano di ‘situazione grave’.

Leggi anche: Il Coronavirus è sfuggito al laboratorio di Wuhan? Il video dei pipistrelli e lo sfogo della dottoressa Zhengli

Variante Delta in Cina

Nonostante la Cina sia riuscita a controllare molto bene l’andamento dell’epidemia all’interno del paese, anche mediante l’ausilio di severe restrizioni, questa nuova emergenza torna a far paura. Erano infatti circa sei i mesi in cui non si registravano nuovi casi ed in cui il paese stava lentamente tornando alla normalità. Ora, i casi di variante Delta registrati della popoloso e commercialmente importante città di Nanchino preoccupano sia per l’alto numero di persone da tracciare sia per l’estrema facilità di diffusione di questa mutazione del virus. 

Variante Delta in Cina, i focolai

L’ultimo focolaio è stato registrato la scorsa settimana a seguito della positività di circa una dozzina di persone tra il personale delle pulizie all’aeroporto internazionale di Nanchino. Ciò ha spinto le autorità a lanciare uno screening a tappeto per oltre 9 milioni di residenti a partire dallo scorso 21 luglio; dopodichè una seconda tornata di controlli è stata effettuata nel fine settimana ed una terza mercoledì. Attualmente sono almeno 175 i casi collegati al focolaio aeroportuale, circostanza che i funzionari hanno collegato alla variante Delta. Sale infine la preoccupazione anche per un possibile focolaio secondario, legato ad un conosciuto spettacolo dal vivo tenutoti nel parco nazionale dello Zhangjiajie. 


Di Tendenza

Tutte le Ultime Notizie dalla provincia di Roma e dall'Italia aggiornate in tempo reale: Cronaca, Politica, Attualità, Sport ed Eventi.
Il Corriere della Città è una testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 19 del 24/09/2009
Contattaci: redazione@ilcorrieredellacitta.it