Home News Wanna Marchi: chi è, età, l’arresto, curiosità e vita privata dell’ospite a...

Wanna Marchi: chi è, età, l’arresto, curiosità e vita privata dell’ospite a Live- Non è la D’Urso

Wanna Marchi sarà ospite questa sera, lunedì 2 dicembre, a Live- Non è la D’Urso e si confronterà con le cinque temutissime sfere del salotto televisivo di Barbara D’Urso

CHI È WANNA MARCHI?

Wanna Marchi è nata il 2 settembre 1942 sotto il segno della Bilancia, a Castelguelfo di Bologna. Da piccola ha perso i genitori, ma ha subito iniziato a lavorare. Wanna Marchi è entrata nel settore dell’estetica, ma nel 1983 è riuscita ad ottenere la condizione di un programma tutto suo in televisione, il Wanna Marchi Show, su Rete A. La sua fama da televenditrice aumenta, tanto da essere definita la Regina delle Televendite. Nel 1996 Wanda ha fondato la società Ascié s.r.l insieme alla figlia Stefania e Mario Pacheco do Nascimiento, un truffatore brasiliano. Madre e figlia, infatti, vengono arrestate cinque anni dopo per truffa. Wanna è tornata in televisione nel 2015 con il programma Ora parlo io, in onda su iTV Italia, mentre nel 2018 è stata la protagonista del programma Le grandi sorelle di RTB Network. 

LA VITA PRIVATA DI WANNA MARCHI

Della vita privata di Wanna Marchi non si hanno molte informazioni. Sappiamo che ha avuto due figli dal primo matrimonio, Stefania e Maurizio e che da molti anni è innamorata di Francesco Campana: i due sono convolati a nozze nel 2017. 

CURIOSITÀ SU WANNA MARCHI

  • Il suo arresto è diventato così famoso che una serie televisiva giapponese si è ispirata alla sua storia. 
  • Vive in Albania insieme alla figlia, a Tirana. 
  • Nel 2001 il programma di Antonio Ricci, Striscia la Notizia, ha iniziato ad indagare sul mondo delle truffe televisive. Dopo vari controlli, Wanna e i suoi due soci sono stati accusati di truffa aggravata e condannati a 2 anni e 6 mesi. Nel 2006 la condanna è stata rivista dal Tribunale di Milano e le due donne sono state condannate per altri 9 anni con tanto di risarcimento di 2 milioni di euro alle vittime. Nel 2011 mamma e figlia hanno ottenuto la semilibertà.