Home News WhatsApp, attenzione al nuovo virus: basta una chiamata per spiarci

WhatsApp, attenzione al nuovo virus: basta una chiamata per spiarci

WhatsApp

WhatsApp presenta una grave falla di sicurezza che consentirebbe di spiare gli utenti attraverso una semplice chiamata. A confermare il problema su smartphone Android e iOS è la stessa Facebook che tramite un comunicato ha svelato lo spyware sviluppato da un’agenzia israeliana.

A rendere pericoloso il malware per WhatsApp il suo particolare stratagemma di attivazione: è sufficiente ricevere una chiamata da un numero e, anche se l’utente non risponde, in pochi istanti e senza lasciare alcuna traccia, il virus riesce a prendere possesso dell’app per iniziare a spiare il telefono della vittima. Come spiegato dal team di tecnici di Facebook, infatti, il malware sviluppato dall’agenzia NSO è in grado di bypassare la crittografia end-to-end, mettendo in serio pericolo la privacy degli utenti.

WhatsApp: nuova falla di sicurezza

WhatsApp e tutto il team di sviluppatori al lavoro sull’app di messaggistica invita tutti gli utenti che utilizzano la piattaforma di instant messaging ad aggiornare immediatamente: “WhatsApp invita gli utenti ad aggiornare l’app all’ultima versione e a mantenere il sistema operativo aggiornato per proteggersi da potenziali attacchi che potrebbero compromettere informazioni sensibili presenti nei dispositivi”. Attraverso questo spyware l’azienda era riuscita a trovare una soluzione in grado di leggere email, messaggi, accedere alla geolocalizzazione e attivare fotocamere e microfono dello smartphone.

WhatsApp: consigliato aggiornare l’app

Come riportato in una nota stampa diffusa dall’azienda di proprietà di Mark Zuckerberg: “Questo attacco indica la presenza di un’azienda in grado di lavorare con i governi per installare spyware che possono controllare gli smartphone. Abbiamo istruito alcune organizzazioni per i diritti umani sulla questione e lavoreremo con loro nelle prossime settimane”. La falla di sicurezza in WhatsApp è stata scoperta poche settimane fa ed è stata risolta nelle ultime ore grazie ad un aggiornamento software rilasciato per tutti i dispositivi su cui è possibile installare l’applicazione.