Connettiti con noi

Regione Lazio

TUTTI ALLE URNE, ANCHE PER I REFERENDUM

Pubblicato

il

A Maggio a Pomezia si voterà non solo per le amministrative, ma anche per i referendum, per i quali le urne saranno aperte anche ad Ardea. Il Consiglio regionale del Lazio, presieduto da Mario Abbruzzese, ha infatti approvato una mozione sull’accorpamento della data del referendum con quella delle prossime elezioni amministrative presentata dai consiglieri: Luigi Nieri (Sel), Filiberto Zaratti (Sel), Giuseppe Rossodivita (Lista Bonino-Pannella), Ivano Peduzzi (Federazione della Sinistra), Fabio Nobile (Federazione della Sinistra), Vincenzo Maruccio (Idv), Carlo Umberto Ponzo (Pd), Mario Di Carlo (Pd), Mario Perilli (Pd). Il documento impegna la presidente Polverini e la Giunta ad attivarsi nel sollecitare il Governo nazionale e il Ministero degli Interni a procedere all’accorpamento della data del referendum con quella delle prossime elezioni amministrative, rispettando la sovranità popolare e risparmiando denaro pubblico. La mozione prende spunto dalla constatazione che nel prossimo mese di maggio, in molti comuni del Lazio, come nel resto del Paese, si svolgeranno le elezioni amministrative, con possibile secondo turno dopo due settimane. Considerato che entro il 12 giugno 2011 devono svolgersi i referendum, tra i quali quello per la ripubblicizzazione dell’acqua e contro la realizzazione delle centralì nucleari e che in caso di mancato accorpamento dei referendum con le amministrative, i cittadini sarebbero chiamati a recarsi alle urne fino a tre volte in un solo mese. Il non accorpamento causerebbe disagi ai cittadini stessi, non favorendoli ad esprimere il proprio diritto di scelta e, oltretutto, peserebbe sulle finanze pubbliche, con una spesa consistente ed ingiustificata per l’ulteriore turno elettorale, in un periodo di grave crisi economica.


2 Comments

2 Comments

  1. pino b.

    11 Marzo 2011 - 14:12 at 14:12

    bene questo governo, che non ha a cuore il bene degli italiani, ha fatto un’altra delle sue porcate non accorpando referendum e amministrative e facendo spendere ad un Stato in debito (allucinante) oltre 300 milioni di euro. Spero che i cittadini capiscano chi sono questi personaggi e vadano a votare in massa a dei referendum importantissimi per il bene comune e soprattuto le nostre bollette. \ninformazioni sui quesiti referendari\n\nhttp://www.acquabenecomune.org\n\nhttp://www.fermiamoilnucleare.it/\n\nhttp://www.antoniodipietro.com/2010/04/un_referendum_contro_il_legitt.html\n\nInvitarei il Direttore di questa utile testata a pubblicizzare quanto più possbile i quesiti referendari indipendentemente dal voto che si vuole dare ai quesiti. L’importante è andare a votare quindi TUTTI ALLE URNE E NESSUNO AL MARE

  2. mario d'alterio

    14 Marzo 2011 - 19:53 at 19:53

    Vuol dire che a pomezia ci sarà l’accorpamento di amministrative e referendum?\nma è possibile farlo?

You must be logged in to post a comment Login

Leave a Reply

Di Tendenza

Tutte le Ultime Notizie dalla provincia di Roma e dall'Italia aggiornate in tempo reale: Cronaca, Politica, Attualità, Sport ed Eventi.
Il Corriere della Città è una testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 19 del 24/09/2009
Contattaci: redazione@ilcorrieredellacitta.it