Home News Gli studi hanno dimostrato che usare la CBD potrebbe alleviare il Parkinson

Gli studi hanno dimostrato che usare la CBD potrebbe alleviare il Parkinson

l cannabidiolo (CBD) è un composto naturale che si trova nelle piante di cannabis.  

Questi composti sono conosciuti come cannabinoidi. La cannabis ha diverse centinaia di questi composti, anche se solo pochi sono ben noti e ampiamente studiati. 

Il CBD non ha i benefici psicoattivi del tetraidrocannabinolo (THC), il cannabinoide più famoso della cannabis. Tuttavia, ha altri effetti potenzialmente benefici. 

La ricerca suggerisce che il CBD può aiutare a ridurre l’ansia, alleviare il dolore e offrire proprietà neuroprotettive. 

I potenziali benefici per il cervello e il sistema nervoso hanno raccolto molta attenzione negli ultimi anni, specialmente per le persone con disturbi neurologici come il morbo di Parkinson. 

La ricerca è abbastanza nuova e limitata, ma alcuni studi hanno dimostrato di essere promettenti per chi soffre di questa malattia. 

La CBD come trattamento per il Parkinson 

Il CBD non è stato usato nelle persone con il morbo di Parkinson a lungo termine, e la ricerca sui benefici di questo cannabinoide è iniziata solo pochi decenni fa. 

Ciò significa che la ricerca è limitata, e spesso gli studi che sono stati fatti sono molto piccoli. Scienziati e medici devono condurre sforzi su più ampia scala per confermare eventuali benefici. 

Tuttavia, alcuni studi suggeriscono che il CBD può avere alcuni effetti positivi, soprattutto quando si tratta di sintomi come la depressione, l’ansia e i disturbi del sonno. 

Ci sono molte persone che integrano questi prodotti alla loro dieta per prevenire malattie generative e, secondo Cibdol, l’uso di olio di CBD e altri prodotti alla base di questo estratto, andranno anno dopo anno incrementando. 

CBD contro al dolore 

Un piccolo studio di individui con Parkinson ha scoperto che l’uso di cannabis aiutava a ridurre il dolore. Tuttavia, questo studio è stato condotto con marijuana medica, che contiene sia CBD che THC. 

Tremori per Parkinson 

Alcuni dei trattamenti più comuni per il morbo di Parkinson possono causare tremori legati alla medicina o movimenti muscolari incontrollati.  

Il trattamento con il farmaco non lo renderà migliore – e potrebbe peggiorare la situazione. 

Come possibile soluzione, la CBD potrebbe essere in grado di aiutare ad alleviare questi movimenti muscolari. 

Psicosi legata al morbo 

La psicosi è una possibile complicazione del morbo di Parkinson. Può causare allucinazioni, delirio ed è più comune nelle persone nelle fasi successive della malattia. 

In realtà, fino al 50 per cento di persone con Parkinson ha questa complicazione. 

Mentre i farmaci sono disponibili per trattare la psicosi del Parkinson, alcune persone si sono chieste se la CBD potrebbe essere utile. 

Uno studio condotto su individui con malattia di Parkinson e sintomi psicotici, ha scoperto che il composto ha ridotto la gravità dei sintomi. Inoltre, non ha causato alcun effetto negativo. 

Qualità della vita 

A causa dei molti potenziali benefici del CBD per le persone affette da Parkinson, i ricercatori hanno suggerito che l’uso del composto potrebbe contribuire a migliorare la qualità della vita.  

Questa è una delle principali preoccupazioni per le persone che convivono con il morbo di Parkinson. 

Le persone che hanno avuto il morbo di Parkinson e che non hanno sintomi o condizioni psichiatriche hanno sperimentato una migliore qualità di vita con l’uso del CBD.  

La CBD come prevenzione del Parkinson 

I ricercatori hanno scoperto che la CBD può essere in grado di aiutare a prevenire il morbo di Parkinson, ma attualmente la ricerca è stata fatta solo sugli animali. 

Inoltre, studi hanno suggerito che la CBD non può fare nulla per aiutare a trattare Parkinson una volta che inizia. Sulla base di questo, può essere utile solo come misura preventiva. 

Tuttavia, gli studi umani che hanno analizzato se il CBD può aiutare a prevenire il Parkinson non hanno dato risultati significativi.  

Sono necessarie ulteriori ricerche per capire perché il composto potrebbe proteggere il cervello degli animali ma – per quanto ne sappiamo – non quello umano. 

Una cosa da tenere a mente è che quando un individuo inizia a mostrare segni del morbo di Parkinson, circa il 60% dei neuroni dopaminergici recettoriali del cervello sono già distrutti.