Home News Cronaca Coronavirus, la situazione della Capitale quartiere per quartiere

Coronavirus, la situazione della Capitale quartiere per quartiere

Il Coronavirus nei quartieri di Roma, disponibili gli aggiornamenti sui dati del contagio. Lo studio è prodotto dal Seresmi, il servizio regionale per la sorveglianza delle malattie infettive dell’ospedale Spallanzani in collaborazione con la Regione Lazio. I dati qui riportati sono aggiornati al 29 giugno 2020. 

Leggi anche: Coronavirus nel Lazio, ancora casi dall’estero: 9 nuovi contagi. Ecco la situazione aggiornata Comune per Comune

Coronavirus nel Lazio: ecco il punto della situazione

Nella giornata di ieri si sono registrati 9 nuovi casi di Covid-19 nel Lazio. Stando ai dati forniti ieri, mercoledì 1°luglio, sono 832 gli attuali casi positivi al Covid-19. Di questi, 630 sono in isolamento domiciliare, 190 sono ricoverati non in terapia intensiva, 12 sono in terapia intensiva. 839 sono i pazienti deceduti e 6448 le persone guarite. In totale, sono stati esaminati 8119 casi. 

Coronavirus a Roma: tutti i casi quartiere per quartiere

Vediamo dunque la situazione dei casi di Coronavirus nei quartieri di Roma.

Clicca qui per la mappa interattiva (selezionare “zona urbana” e scorrere con il puntatore)

Tra i quartieri più colpiti come valori assoluti troviamo: Torre Angela, Val Melaina, Garbatella, Trieste, Don Bosco, Ostia, Tuscolano, Primavalle.

Coronavirus Roma: le mappe interattive

Le mappe presentate descrivono l’incidenza cumulativa e la prevalenza giornaliera di casi COVID-19 notificati al SERESMI (x 10,000 residenti) rappresentando le stime in valori crescenti secondo gradazione di colore. Le mappe consentono di identificare se in un’area geografica è presente un maggior o minor numero di casi in rapporto alla popolazione residente. 

Le mappe sono aggiornate settimanalmente (martedì),  per consentire il consolidamento dei dati.
ATTENZIONE! Nel caso di un’area geografica piccola (comune o zona urbanistica con pochi abitanti) la lettura delle mappe può essere distorta a causa del piccolo numero di casi osservati.