Home News Cronaca Rapinatore sfortunato ad Acilia, svaligiata una farmacia incappa subito in una volante...

Rapinatore sfortunato ad Acilia, svaligiata una farmacia incappa subito in una volante della Polizia

Non si fermano i furti nell’entroterra del X Municipio sotto queste festività natalizie, palesando in questi giorni un nuovo episodio del tutto esilarante nel quartiere di Acilia. Protagonista un rapinatore italiano di 36 anni, che in queste ore aveva deciso di mettere a segno un furto presso la farmacia di Via di Macchia Palocco con il sostegno di un complice. 

Il colpo perfettamente riuscito all’interno dei locali dell’attività commerciale, aveva portato nelle tasche del rapinatore però un misero gruzzoletto di appena 90 euro. L’incredibile comicità di questo fatto si è palesata nella fuga del rapinatore, che appena uscito dalla farmacia si è trovato di fronte a una volante della Polizia di Stato di passaggio lì per il consueto giro di controllo su Via di Macchia Palocco.

I poliziotti osservando la scena del malvivente teso e intento a scappare con la refurtiva, lo hanno subito fermato. Una volta bloccato, gli stessi agenti intervenuti sul posto lo hanno messo in stato di sicurezza e accompagnato negli uffici di Polizia presenti nel X Municipio di Roma Capitale. 

Il rapinatore è risultato essere un ragazzo romano di nome T. E., già noto alle Forze dell’Ordine locali per aver avuto diversi procedimenti penali alle spalle. 

Durante la perquisizione addosso al malvivente è stata rinvenuta una pistola, risultata ai controlli una replica e che lo stesso ladro aveva utilizzato nei locali della farmacia per intimidire i dipendenti al fine di farsi consegnare il denaro sotto la minaccia di aprire il fuoco. Sempre addosso l’uomo portava un berretto, che durante la rapina aveva la funzione di oscurargli il volto per non farsi riconoscere. 

Attualmente il Commissariato di Polizia “Lido di Roma” ricerca il complice di questo ragazzo, che è riuscito a fuggire a bordo di uno scooter e far sparire – almeno fino a oggi – le proprie tracce. Le Forze dell’Ordine credono che i due criminali possano avere dei collegamenti anche in altri furti avvenuti nell’entroterra lidense negli ultimi giorni di festività natalizie, in uno scenario che verrà quanto prima chiarito dalle indagini.