Home News Cronaca San Giorgio di Acilia: case popolari senza termosifoni, i cittadini fanno esposto...

San Giorgio di Acilia: case popolari senza termosifoni, i cittadini fanno esposto contro la sindaca Raggi e Giuliana Di Pillo

Atto di forza da parte di alcuni cittadini del quartiere San Giorgio di Acilia, che hanno deciso questa mattina di denunciare uno dei tanti fenomeni di grave degrado presenti in questo quartiere del X Municipio di Roma Capitale.

E’ stato infatti il comitato “Difendiamo Acilia” a notificare un esposto alla Procura di Roma contro la sindaca Virginia Raggi e la presidente del X Municipio Giuliana Di Pillo, accusate per l’occasione di non aver preso in carico le segnalazioni riguardo i malfunzionamenti dei riscaldamenti presenti nelle case popolari di questo quartiere.

Un problema sentitissimo in questa zona di Acilia, considerato come in questo periodo “pre-natalizio” le temperature si siano abbassate drasticamente ed è inaccettabile l’idea di avere i termosifoni della propria casa guasti con questo freddo.

Come ribadito da Alessandro Aguzzetti (presidente del comitato “Difendiamo Acilia), la situazione attuale delle case popolari a San Giorgio di Acilia è grave: facendo fede ai riscaldamenti guasti nella palazzina du Via Alberto Galli 20/28, in più occasioni i cittadini hanno segnalato la problematica alle istituzioni e gli Uffici del X Municipio. Segnalazioni che però nel concreto non sono mai state prese in ascolto dall’Amministrazione locale, lasciando un grave disagio sulla pelle di quei tanti cittadini che vivono in questa zona. 

Lo stesso Aguzzetti ha detto a riguardo: “Abbiamo presentato oggi un esposto alla procura di Roma allegato ad oltre 100 firme di residenti, perché nonostante le continue segnalazioni non sono stati fatti interventi risolutivi riguardanti i riscaldamenti. Da settimane famiglie, anziani e bambini sono al freddo e nelle abitazioni ci sono disabili che necessitano di una temperatura idonea per la propria salute. Abbiamo provato più volte a cercare un punto d’incontro anche presentandoci in Municipio ma nessuno ha ascoltato le nostre richieste e ora chiediamo un intervento delle autorità competenti affinché chiariscano cosa sta succedendo”.

Ha proseguito Alessandro Aguzzetti, che promette la presenza al prossimo Consiglio municipale per denunciare il problema: “Giovedì saremo presenti al consiglio del X Municipio dove ci aspettiamo che venga discussa la nostra problematica e che venga messo in atto un piano di risoluzione immediata del problema. Il nostro quartiere non è più disposto a rimanere in silenzio e chiede rispetto”.