Home Primo Piano Cotral, da aprile arriva l’autista controllore

Cotral, da aprile arriva l’autista controllore

Troppi "portoghesi", parte la sperimentazione su mille corse

Novità importante sui Cotral dalla prossima settimana. Sui social l’azienda di trasporto pubblico ha infatti annunciato che è pronta a partire la sperimentazione dell’autista controllore.

Da aprile autista controllore su mille corse

L’autista controllore è la soluzione individuata da Cotral per affrontare l’annoso problema dell’evasione. Da sempre il trasporto pubblico laziale soffre minori entrate a causa del gran numero di “portoghesi”. Chi non paga il biglietto è infatti la maggioranza su molte corse, viaggiando a spese degli utenti che acquistano regolarmente il titolo di viaggio o che pagano un abbonamento. Cotral ha così deciso di iniziare la sperimentazione annunciata: gli autisti saranno anche controllori su circa mille corse a bassa frequentazione in tutto il territorio del Lazio. Questo vuol dire che controlleranno che tutti i passeggeri validino il biglietto o l’abbonamento quando salgono a bordo del bus. Gli autisti potranno anche elevare sanzioni ai passeggeri sprovvisti di titolo di viaggio che si rifiutano di scendere dal mezzo.

Indicazioni agli utenti

Per il successo dell’iniziativa Cotral ha diramato alcune indicazioni all’utenza: salire sempre dalla porta anteriore, tenendo a portata di mano il biglietto o l’abbonamento. Quindi validare il titolo di viaggio e mostrarlo all’autista qualora lo richieda. Indicazioni di buon senso, che rischiano di rimanere lettera morta: si spera che la sperimentazione dell’autista controllore contribuisca a farle rispettare. Secondo l’azienda, negli ultimi tre anni il fenomeno dell’evasione è già stato dimezzato, ma i “portoghesi” sono ancora troppi. Chiunque prenda uno degli autobus Cotral può testimoniarlo: non c’è dubbio che le corse siano sovraffollate proprio perché chiunque può salire a bordo. Una soluzione potrebbe essere quella di non aprire la porta posteriore a chi deve salire, pratica invece abitudinaria ai capolinea e alle fermate. Le macchinette validatrici sono infatti davanti alla porta anteriore, e aprire dietro significa tollerare l’evasione.