Home News Cronaca Ostia Antica, incendio nella notte: a fuoco il maneggio “Carrozze e Carezze’

Ostia Antica, incendio nella notte: a fuoco il maneggio “Carrozze e Carezze’

Poteva finire in tragedia. E’ stato solo grazie per una serie di circostanze che non ci sono state vittime e che i cavalli sono tutti salvi, ma vedere il disastro lasciato dall’incendio divampato nella notte tra il 9 e 10 settembre riempie comunque il cuore di desolazione. Parliamo del maneggio Carrozze e Carezze. E’ successo attorno attorno all’una della scorsa notte. Le fiamme sono partite dall’ufficio della titolare, Karin, poi si sono sviluppate nel pony club, infine nel fienile. Tre focolai che hanno preso potenza e hanno distrutto tutto ciò che avevano intorno, causando danni strutturali molto gravi. Fortunatamente gli animali si sono salvati, perché erano da un’altra parte, all’aperto. Sul posto sono intervenuti, dopo circa 25 minuti, i vigili del fuoco di Ostia che hanno provveduto a spegnere l’incendio, e i carabinieri della Compagnia di Ostia che hanno avviato le indagini. 

Distrutta gran parte del maneggio: incendio doloso?

Il fatto che l’incendio sia partito dall’ufficio e che quasi contemporaneamente le fiamme abbiano preso anche nel pony club e nel fienile ha fatto pensare a un atto doloso, così come il fatto che sia stato trovato il lucchetto di chiusura del cancello tranciato. La titolare ha quindi pubblicato questo post sulla sua pagina Facebook, ricevendo centinaia di messaggi di solidarietà, stima e affetto da parte di chi conosce il suo modo di lavorare.

“Lettera al bastardo che ha dato fuoco al maneggio:
Spero che ti senti soddisfatto per aver tolto a tanti bambini il loro “angolo di paradiso” in un momento già tragica per molto di loro, e che godi per avermi messo in difficoltà, dopo che per 7 anni ho dato tutto me stesso, per tirare su questo attività, mi mancano le parole per descrivere come mi sento in questo momento, comunque per fortuna ci sono tante persone che mi hanno dimostrato la loro solidarietà e li ringrazio”.

“Non ho mai ricevuto minacce, quindi non so proprio chi può aver fatto una cosa del genere – ha dichiarato Karin ai nostri microfoni la titolare – Ho la coscienza a posto, non credo di meritare questo. Non ho debiti, mi comporto bene, faccio questa attività per passione e la volevo mettere a disposizione di tutti e non solo per un élite. Qui chiunque poteva venire a dare una carota ai cavalli. Adesso c’è la fila fuori di persone che vorrebbero entrare ma non possono, alle quali devo spiegare che il maneggio è chiuso perché inagibile e non so fino a quando”.