Home News Cronaca Aggredito e pestato da un gruppo di balordi: 33enne di Latina in...

Aggredito e pestato da un gruppo di balordi: 33enne di Latina in coma

Era andato in Francia perché a Latina, e in Italia in generale, non riusciva a trovare un lavoro. “Troppo magro e gracile”, era stata una delle risposte che Jean-Luc Krautsieder, 33 anni, aveva ricevuto alle sue richieste di lavoro, in particolare dal titolare del supermercato dove aveva consegnato il suo curriculum di diplomato bilingue. E alla, fine, dopo tante porte sbattute in faccia, aveva deciso di lasciare la sua amata Latina per Langon, in Francia, per andare a vivere a casa della nonna, nella speranza di trovare un lavoro oltralpe. Cosa che era riuscito a fare, pur rimpiangendo ogni giorno le terre pontine.

E proprio mentre stava rientrando a casa dal lavoro, nella notte tra il 31 maggio e il 1 giugno, che è stato accerchiato da un gruppetto di balordi. Forse una rapina, visto che sono spariti sia il cellulare che il portafogli del giovane, forse solo teppisti: ma Jean-Luc è stato massacrato di botte, tanto da finire in coma. Sulla vicenda indaga la Gendarmeria francese.

A Latina è stato organizzato un evento di solidarietà, per venerdì 5 luglio dalle ore 20:30 alle 01:00, che si svolgerà all’Evergreen dal nome “Ci sentirai a Bordeaux”: saranno presenti i componenti della banda musicale di cui Jean-Luc faceva parte. L’evento servirà per raccogliere fondi per aiutare la famiglia del ragazzo a sostenere le ingenti spese necessarie in questo momento. per sostenere economicamente la famiglia che in questi giorni si trova ad affrontare una serie di spese. 

Io – parlo a titolo personale – conosco Jean-Luc, quindi questa notizia mi colpisce in modo particolare. A nome mio e di tutta la redazione de Il Corriere della Città faccio i migliori auguri a Jean-Luc, nella speranza che si riprenda prestissimo da questa terribile aggressione. Forza, Jean-Luc!

Maria Corrao