Home News Cronaca Blackout Challenge, la sfida mortale di TikTok arriva in Italia: bimba di...

Blackout Challenge, la sfida mortale di TikTok arriva in Italia: bimba di 10 anni si strangola

21enne suicida a Roma, Monteverde vecchio

Si chiama “BlackOut challenge” ed è il trend su TikTok che ha mandato una bambina di 10 anni in coma. Oggi la bimba è ricoverata nel reparto di Rianimazione dell’ospedale “Di Cristina” ed è stata definita dai medici in “morte celebrale“. La famiglia ha dato oggi il consenso per la donazione di organi, per salvare la bambina, ma la situazione attualmente è disperata. Giù da questa mattina i medici avevano spiegato che la bambina di 10 anni era in “coma irreversibile”. Ma com’è finita la piccola bimba di Palermo da un video su TikTok…  al coma? 

Leggi anche:  Tragedia a Colleferro, 57enne trovato morto in casa: era deceduto da almeno 3 giorni

Tiktok: che cos’è la “BlackOut challenge”? Anche detta “Hanging challenge”

La chiamano “Black out challenge” o anche “hanging challenge” ed è una sfida di resistenza. Di resistenza alla morte, nella fattispecie dal momento che prevede la massima resistenza allo strangolamento
Secondo la ricostruzione degli inquirenti, la piccola avrebbe accettato a partecipare a questa challenge che prevede, letteralmente, di stringersi una cintura al collo e resistere il più possibile. Per quanto sia difficile da accettare e anche solo immaginare, ieri sera la bambina ha deciso di stringersi la cinta dell’accappatoio al collo e vedere quanto avrebbe resistito: ma si è trovata senza forze, il suo cuore ha smesso i battere ed è crollata per terra

Leggi anche:  Roma, ricercato senza fissa dimora aggredisce clochard per un giaciglio notturno: arrestato per tentato omicidio

A trovarla in bagno, priva di sensi, sono stati i genitori. Il cuore si è fermato per un’asfissia prolungata, prima di ricominciare a battere grazie alle manovre di rianimazione del personale sanitario. I genitori l’hanno immediatamente liberata dalla cintura e portata al pronto soccorso ma il quadro clinico era già gravissimo. Il telefono della bambina è attualmente sotto sequestro ed è nelle mani della polizia. In quel cellulare ci sono le ultime immagini del momento: quando la cintura l’ha stretta talmente tanto da provocarne un coma irreversibile. 
La procura dei minori ha aperto un fascicolo per “istigazione al suicidio” per poter procedere con le indagini. Attualmente l’inchiesta è coordinata dal procuratore Massimo Russo e dalla sostituta Paoletta Caltabellotta.