Connettiti con noi

Cronaca

Calendario riaperture fino a luglio 2021: cosa apre in zona gialla, arancione e rossa dal 26 aprile

Pubblicato

il

Proroga Stato di Emergenza fino al 31 dicembre 2022

L’Italia si prepara per ripartire perché da lunedì 26 aprile alle zone rosse e arancioni, si aggiungerà (di nuovo) la fascia gialla. Nelle Regioni/Province Autonome dove si può, dove tutti i parametri sono sotto la soglia di rischio, molte attività ripartiranno. Una ripresa graduale che deve essere fatta nel rispetto dei protocolli per non vanificare tutti gli sforzi fatti finora, nei lunghi mesi di aperture e chiusure a singhiozzi, di ristori insufficienti e di spostamenti “blindati”. E se il 26 aprile segna l’inizio di una pseudo “normalità”, il Governo ha già messo a punto una road map, una sorta di calendarizzazione per tutte le altre aperture che ci saranno fino al 31 luglio, data di scadenza dell’ultimo decreto. Ma vediamo cosa cambia in zona gialla, arancione e rossa dal 26 aprile prossimo. 

Leggi anche: Lazio zona gialla o arancione da lunedì 26 aprile 2021: cosa riapre e cosa cambia per spostamenti e coprifuoco

Calendario riaperture fino a luglio 2021: cosa cambia in zona gialla, arancione e rossa

Dal 26 aprile finalmente saranno consentiti gli spostamenti tra Regioni/Province Autonome che si trovano in zona gialla o bianca. Ma c’è anche una novità. Chi ha il pass (certificazione verde) può muoversi da un territorio all’altro, anche se di “colore diverso”, a patto che dimostri che sia stato vaccinato, che sia guarito dal Covid o che abbia fatto un tampone entro le 48 ore precedenti alla partenza. Dal 1 maggio al 15 giugno, in zona gialla e arancione sarà possibile andare a trovare amici e parenti: si potranno spostare 4 persone (non più 2) non conviventi, verso una sola abitazione privata e una sola volta al giorno. 

Leggi anche: Centri commerciali aperti nel fine settimana: ecco quando riaprono nel weekend. Regole per zona gialla, arancione e rossa

Dal 26 aprile e fino alla fine dell’anno scolastico gli studenti (anche quelli delle superiori) tornano tra i banchi. La presenza è garantita in zona rossa dal 50 al 75%, mentre in zona gialla e arancione dal 70 al 100%. Per quanto riguarda le università, in zona gialla e arancione dal 26 aprile al 31 luglio le attività si svolgeranno in presenza. Nelle zone rosse, invece, si raccomanda di favorire la presenza alle matricole, agli studenti del primo anno. 

Novità anche per i ristoranti perché dal 26 aprile in zona gialla potranno riaprire sia a pranzo che a cena, ma solo con i tavoli all’aperto. Dal 1 giugno sì ai pranzi nei luoghi al chiuso, ma sempre nel rispetto di tutti i protocolli di sicurezza e sempre in quei territori che si trovano in fascia gialla. 

Dal 26 aprile via libera in zona gialla a cinema, teatri, sale concerto e spettacoli. Non più di 500 spettatori al chiuso e 1.000 all’aperto, con i posti a sedere che dovranno essere a un metro l’uno dall’altro. 

Dal 1 giugno in zona gialla il pubblico potrà assistere alle manifestazioni e agli eventi sportivi di livello agonistico. La capienza dovrà essere pari a 25% di quella massima autorizzata e anche in questo caso, non dovranno essere più di 1.000 spettatori all’aperto e di 500 al chiuso. Dal 26 aprile in zona gialla si può fare sport all’aperto, anche di contatto. Dal 15 maggio, invece, riapriranno le piscine all’aperto e dal 1 giugno si potrà ritornare ad allenarsi in palestra. Il 15 giugno, sempre in zona gialla, riaprono le fiere e dal 1 luglio via libera a convegni e congressi. Il 1 luglio si darà l’ok per la riapertura anche ai centri termali, ai parchi tematici e di divertimento

Il coprifuoco, per il momento, resta alle 22, ma bisogna capire se il Governo farà marcia indietro e ascolterà le richieste dei Governatori che chiedono di prolungarlo fino alle 23. 

 


Di Tendenza

Tutte le Ultime Notizie dalla provincia di Roma e dall'Italia aggiornate in tempo reale: Cronaca, Politica, Attualità, Sport ed Eventi.
Il Corriere della Città è una testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 19 del 24/09/2009
Contattaci: redazione@ilcorrieredellacitta.it