Home News CLAI Challenge: quando il cibo di qualità diventa sfida social

CLAI Challenge: quando il cibo di qualità diventa sfida social

Metti una base di salumi di ottima qualità, aggiungi ingredienti selezionati di prima scelta tra ortaggi e pasta; poi prendi quattro food blogger che non si conoscono se non di nome e fagli indossare un grembiule rosso; allo stesso modo, prendi quattro food influencer che si vedono per la prima volta in questa occasione e dai loro il grembiule verde.

Quello che ne viene viene fuori è qualcosa di innovativo, gustoso e divertente: il CLAI Challenge, la sfida di cucina ai tempi dei social.

L’idea di questo nuovo show cooking, condotto dalla bravissima showgirl Alessia Ventura, è nata per unire una vecchia passione degli italiani, la cucina, con quella nuova per i social network, dove i blog che trattano di cibo e ricette sono sempre tra i più seguiti.

La sfida è una gara itinerante con due tappe: la prima si è svolta Roma il 16 maggio nella splendida cornice di Villa Piccolomini, mentre la seconda si svolgerà giovedì 13 giugno al Relais Monaco di Pozzano (TV). 

Ma entriamo nel vivo della competizione: il format, ideato, organizzato e mandato in diretta Facebook dal Gruppo CLAI (Cooperativa Lavoratori Agricoli Imolesi), prevede che le due squadre – la rossa e la verde – debbano preparare due piatti “misteriosi” fino all’inizio della gara stessa. I concorrenti non hanno quindi modo di sapere prima quale tipo di ricetta dovrà essere eseguita. Le difficoltà principali saranno due: il tempo a disposizione per cucinare e impiattare è di soli 20 minuti (e le porzioni da fare sono tante, visto che bisogna far assaggiare la pietanza a più di 30 persone) e le persone che formano le squadre non si sono mai viste prima, quindi tra loro non c’è alcun tipo di complicità lavorativa che possa velocizzare e semplificare la suddivisione dei compiti e la realizzazione dei piatti.

 
I piatti realizzati vengono valutati da due giurie: una tecnica, presieduta da Massimiliano Mascia, chef del ristorante San Domenico di Imola e Presidente della Nazionale Italiana Ristoratori (NIR) e composta dagli chef Mauro Elli e Matteo Cocchetti, e una giuria “popolare”, composta da trenta tra giornalisti, influencer e blogger. 
Mentre il voto della giuria “popolare” viene espresso subito e in maniera palese attraverso le palette colorate, quella giuria tecnica viene svelato solo alla fine e può ribaltare il voto della giuria “popolare”, perché va a guardare non solo il sapore delle pietanze, ma anche le tecniche utilizzate, la pulizia dei piani di preparazione e cottura e l’organizzazione del lavoro.

 

Le squadre della sfida romana erano così composte: per i food blogger CLAI (squadra rossa) il capitano era Serena Bringhelli, mentre i componenti Andrea Pietrocola, Claudia Casadio e Marisa Malomo

Per I food influencer, capitanati da Rosalia Imperato, i componenti erano Clelia Patella, Maria De Santo e Elisabetta Rubino.

La prima ricetta da eseguire era una rivisitazione dei saltimbocca alla romana, dove invece della classica carne di vitella e del prosciutto crudo, è stato chiesto di usare lombo di maiale e salame Bella Festa Light, il tutto utilizzando anche fave e pecorino, sempre in onore della città di Roma che ospita l’evento. 

Le due squadre hanno interpretato in modo diverso gli ingredienti, specialmente l’utilizzo delle fave e del pecorino: alla fine la giuria popolare ha decretato la vittoria della prima manche alla squadra verde dei food influencer.

La seconda sfida era quella della “ricetta segreta”: le due squadre potevano decidere il tipo di pasta da cucinare e gli ingredienti per condirla, scegliendo tra fave, piselli e asparagi (o anche mettendoli tutti), l’importante era che utilizzassero il Salame Contadino e il formaggio stagionato.

Questa volta il piatto giudicato più saporito e meglio impiattato dalla giuria “popolare” è stato quello della squadra rossa dei food blogger CLAI.

Durante tutta la gara i tre componenti della giuria tecnica hanno girato per i banconi, osservando e dando consigli, commentando insieme ad Alessia Ventura quanto stava accadendo, notando gli errori ed elogiando tutte le accortezze e le scelte azzeccate da parte dei concorrenti. Al termine, i tre cuochi professionisti, volti noti della tv in quanto spesso ospiti di programmi televisivi che trattano di cucina, hanno decretato vincitrice la squadra rossa dei food blogger CLAI, che si aggiudica così la vittoria della prima tappa del CLAI Challenge.

Al termine della diretta, la giuria ha potuto assaggiare tutta la varietà dei salumi del gruppo CLAI, potendo così gustare l’eccellenza di questi prodotti di altissima qualità tutta italiana.

CLAI Challenge rientra in un percorso di eventi e degustazioni chiamato “Progetto Valore”, avviato dalla Cooperativa nel 2017.  Questo progetto nasce dall’esigenza di avvicinare i valori aziendali, i suoi ideali e le logiche qualitative a consumatori Social.

Il Gruppo CLAI è attivo nel settore dei salumi e delle carni fresche bovine e suine. Garantisce una carne 100% italiana a filiera controllata, formata da soci lavoratori e soci allevatori che si impegnano nella coltivazione dei terreni, nel controllo del bestiame e nella gestione dell’allevamento in un rapporto costante che gli consente immettere sul mercato nazionale prodotti vanto del nostro Made in Italy.