Connettiti con noi

Cronaca di Roma

Corruzione al Ministero dell’Istruzione: ‘Mazzette in cambio di appalti per 23 milioni di euro’

Pubblicato

il

Scuole che aprono

Scandalo, o presunto tale in attesa dell’ormai quasi certo processo, al Ministero dell’Istruzione. Nel mirino della Giustizia è finita Giovanna Boda, ex capo dipartimento per le risorse umane, finanziarie e strumentali del MIUR, nonché alcuni componenti del suo staff.

Le accuse per lei e altre 14 persone sono gravi e vanno dalla corruzione, alla rivelazione di segreto d’ufficio fino alla turbata libertà di incanti (ovvero l’ottenere un’irregolare aggiudicazione di una gara allontanando altri concorrenti o comunque influenzando la libera concorrenza, ndr). Per l’accusa, la Boda avrebbe ricevuto per lei e il suo staff “indebitamente la dazione o la promessa di denaro per complessivi 3,2 milioni di euro”.

La Boda, quando fu accusata di corruzione, tentò il suicidio. Era il 14 aprile del 2021 e la donna era nello studio del suo avvocato.

Leggi anche: Roma, dirigente del ministero dell’Istruzione tenta il suicidio: accusata di corruzione

Cosa riguarda il caso di corruzione al MIUR

La vicenda riguarda alcuni appalti per un valore che raggiunge la cifra di 23 milioni di euro. Tra il 2018 e il 2021 Boda e il suo staff avrebbero ricevuto delle bustarelle dall’imprenditore Federico Bianchi di Castelbianco per ottenere lavori da parte del Ministero.

Leggi anche: Roma, controlli anti corruzione della Guardia di Finanza: 7 persone nei guai

Stando ai conteggi effettuati a margine della conclusione delle indagini, che è stata notificata alle parti (coinvolte anche alcune società), si parlerebbe di circa di tre milioni e duecento mila euro. Soldi – sotto forma di regali – in cambio di “agevolazioni” per mettere le mani su appalti milionari nel mondo della scuola. Secondo l’accusa il referente “interno” al Miur dell’imprenditore sarebbe proprio Boda.

Leggi anche: Ostia, falso e corruzione: chiesti 14 anni per Antonio Franco e 9 per Mauro Carfagna

I regali

Tra i doni fatti recapitare alla manager figurano una Mercedes a noleggio, lavori, viaggi, PC, addirittura trattamenti medici, ma anche appartamenti in montagna o in affitto nel centro storico, e così via. Perfino i genitori di Giovanna Boda, come ricostruito nel corso delle indagini, avrebbero beneficiato di alcuni favori. Ma dietro a questi regali si sarebbe nascosto però più di un secondo fine, come ricostruito dalla Procura: un piano architettato nei minimi dettagli per accaparrarsi bandi milionari. 

Roma, mazzette per oltre 2 milioni sull’appalto degli ascensori pubblici. Il Pm: ”È corruzione”

Tutte le Ultime Notizie dalla provincia di Roma e dall'Italia aggiornate in tempo reale: Cronaca, Politica, Attualità, Sport ed Eventi.
Il Corriere della Città è una testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 19 del 24/09/2009
Contattaci: redazione@ilcorrieredellacitta.it | Preferenze Privacy