Home Fiumicino Fiumicino, Poggio: “Scuole, è caos. Per il tempo pieno i posti non...

Fiumicino, Poggio: “Scuole, è caos. Per il tempo pieno i posti non ci sono”

“Sono assolutamente concorde con la protesta dei colleghi di opposizione D’Intino e Costa per quanto riguarda le mancate iscrizioni dei nostri studenti negli istituti di Ostia. Purtroppo il problema è ben più ampio e non riguardo solo l’Enriques. Anzi è assai esteso. Si tratta di una situazione ormai incancrenita, che si ripete da anni e che fa emergere un dato che ho più volte sottolineato: la totale carenza di istituti superiori nel Comune di Fiumicino. Ne avessimo non dovremmo recarci a Ostia”.

A dichiararlo il vicepresidente del consiglio comunale di Fiumicino, Federica Poggio.

“Il Baffi – prosegue il vicepresidente del consiglio – è l’unico plesso all’Isola Sacra. E a Maccarese gli indirizzi come le aule e i posti sono insufficienti. La soluzione, come hanno ricordato i colleghi di opposizione, è ‘accontentarsi’ o andare a Roma con tutti i disagi del caso. Le linee Cotral sono a singhiozzo. La Roma-Lido non funziona. E non va meglio a Maccarese, con linee sfalsate e orari assurdi. Una assurdità che purtroppo non vivono solo i ragazzi delle scuole superiori. Sì perché la carenza di scuole riguarda anche le elementari, soprattutto all’Isola Sacra, la località più popolosa del Comune. I posti per il tempo pieno sono scarsi. E a molte famiglie è stata proposta la soluzione Focene fino alle 16.30. Anche qui si tratta di un problema che deve essere risolto. Come si fa a chiedere a un genitore di recarsi a Focene dall’Isola Sacra ogni volta?”

“Anche se la competenza, come hanno giustamente ricordato i colleghi di opposizione, non ricade nelle competenze del sindaco Montino – ha concluso la Poggio – è però necessario che ci si attivi immediatamente per risolvere tutte queste situazioni. Non è possibile che uno dei Comuni più importanti del Lazio non abbia né scuole elementari né scuole superiori. Si parla sempre di puntare sulla formazione, sulla cultura e sui giovani e poi non ci sono le scuole. Un controsenso”.