Connettiti con noi

Ultime Notizie

Il Governo Meloni vuole cancellare lo Spid? Cosa può cambiare

Pubblicato

il

spid

Il possibile addio all’identità digitale Spid è stato annunciato durante la festa per i 10 anni di Fratelli d’Italia a Roma. È stato il sottosegretario alla presidenza del consiglio, con delega all’innovazione tecnologica Alessio Butti a dichiarare che è intenzione del governo Meloni eliminare gradualmente lo Spid in favore di un altro sistema unico.

Addio alla SPID con il Governo di Giorgia Meloni?

Secondo quanto dichiarato da Butti sembra infatti che un modo per facilitare cittadini e imprese potrebbe essere quello di unificare il sistema dell’identità elettronica, sostituendo la carta d’identità elettronica (Cie) allo Spid. Il passaggio, annunciato come “graduale” nelle intenzioni, coinvolgerebbe circa 33 milioni di italiani che già hanno e utilizzano lo Spid e che potenzialmente sono in parte gli stessi che hanno già una carta d’identità elettronica (32 milioni).

La possibilità di dire addio allo Spid fa emergere tutta una serie di altre domande che al momento non hanno risposta, in particolar modo come avverrebbe la migrazione all’altro sistema e chi lo gestirebbe? Ecco cosa sappiamo. Alessio Butti, sottosegretario alla presidenza del consiglio con delega all’innovazione tecnologica, ha dichiarato l’intenzione del governo Meloni di dire addio gradualmente allo Spid e fornire un sistema d’identità digitale unico attraverso la carta d’identità elettronica (Cie).

L’idea è quella di non unire i due strumenti, ma di eliminare gradualmente uno dei due, cioè lo Spid. Tutto ciò che oggi si può fare con lo Spid dovrebbe quindi essere traghettato all’interno dello strumento della carta d’identità digitale e far gestire tutto allo Stato. L’idea era stata già messa sul tavolo dal governo Conte II e torna oggi come intenzione dell’attuale governo. Al momento non è stato ancora chiarito se Spid scomparirà o entrerà all’interno del servizio della carta d’identità digitale, almeno fino a quando tutti gli italiani non avranno rinnovato la carta d’identità in formato digitale abbandonando per sempre quella cartacea.

Che idee alternative sta pensando il Governo Meloni?

Nel caso infatti la domanda tecnica è come avverrà la migrazione, ma soprattutto da chi sarà gestita visto che al momento ci sono degli “identity provider” che svolgono tale compito. È chiaro che i lavori non sono ancora iniziati e la dichiarazione di Butti presenta solo l’intenzione, più che il primo passo, verso l’addio a Spid. La carta d’identità elettronica ha sostituito il vecchio documento di carta per almeno 32 milioni di italiani. 

Chiunque può farne richiesta, anche se al momento del rinnovo della carta d’identità il passaggio da cartaceo a carta d’identità elettronica è obbligatorio. Il nuovo documento d’identità contiene una serie di informazioni come il codice fiscale, ma anche le impronte digitali e gli estremi dell’atto di nascita. Attraverso il sistema Cie è possibile effettuare l’accesso a diversi siti e servizi della Pubblica amministrazione, come per esempio per la compilazione di una domanda di partecipazione a un concorso pubblico o per presentare domande per bonus o sussidi.

Carta d’Identità elettronica, nuovi open day a Roma il 19 e il 20 novembre: ecco come prenotarsi

 

Tutte le Ultime Notizie dalla provincia di Roma e dall'Italia aggiornate in tempo reale: Cronaca, Politica, Attualità, Sport ed Eventi.
Il Corriere della Città è una testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 19 del 24/09/2009
Contattaci: redazione@ilcorrieredellacitta.it | Preferenze Privacy

WP Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com