Home News Cronaca Latina, picchia il fratello della moglie cerca di portare via sua figlia:...

Latina, picchia il fratello della moglie cerca di portare via sua figlia: arrestato per maltrattamenti in famiglia

Un equipaggio della Squadra Volante è intervenuto ieri intorno alle 19:30 in piazza Aldo Moro. L’intervento è scattato a seguito di una segnalazione pervenuta al 113 per lite ed aggressione in atto.

Giunti immediatamente sul posto, i poliziotti hanno parlato con il richiedente aiuto, un cittadino rumeno del 88. L’uomo ha riferito che pochi istanti prima aveva avuto una discussione ed era stato aggredito dal marito di sua sorella; quest’ultima, molto agitata, era ospite del fratello con le sue due figlie minori a seguito di dissidi e comportamenti aggressivi subiti dal marito.

In merito a quanto appena avvenuto, la donna riferiva che il marito si era recato presso l’abitazione del fratello di lei, per vedere le proprie figlie come d’accordo. L’uomo dopo aver preso in braccio una delle due figlie si è poi allontanato verso la sua auto. E’ così scoppiata un’accesa discussione nella quale è intervenuto anche il fratello della donna. Il marito violento ha aggredito l’uomo con spintoni e ginocchiate e poi ha spintonato e allontanato la donna veniva con violenza. Nonostante l’aggressione subita, entrambi hanno rifiutato l’intervento del 118. I due si sono presentati presso gli uffici della Questura di Latina per presentare denuncia

In sede di denuncia, la donna ha riferito che le minacce, gli scatti d’ira, le percosse e le violenze, si protraevano già da tempo. In più, a causa dei continui soprusi posti in essere dall’uomo, viveva in uno stato di soggezione, manifestando timore e paura per la propria incolumità, e per tale motivo aveva chiesto ospitalità al proprio fratello.

Per l’uomo fermato, identificato per C. M , italiano del 83, accompagnato presso gli uffici della Questura, dopo aver contattato il P.M. di turno, dott. Giancristofaro, è stato disposto l’allontanamento urgente dalla casa familiare, con il divieto di avvicinarsi alla persona offesa.