Home Cerveteri e Ladispoli News Marco Vannini, la Cassazione chiede un nuovo processo per Antonio Ciontoli

Marco Vannini, la Cassazione chiede un nuovo processo per Antonio Ciontoli

La Suprema Corte di Cassazione si è pronunciata: Antonio Ciontoli dovrà affrontare un nuovo processo d’Appello per la morte di Marco Vannini. La decisione arriva oggi, a cinque anni dai fatti che hanno sconvolto non solo Ladispoli e Cerveteri, ma l’Italia intera.

LA STORIA GIUDIZIARIA

Inizialmente per la morte di Marco era stato condannato in primo grado Antonio Ciontoli a 14 anni di reclusione per omicidio volontario con dolo eventuale. Ma in Appello il reato era stato derubricato a omicidio colposo con colpa cosciente e la condanna era stata ridotta a 5 anni. 

Per il resto della famiglia Ciontoli, Martina (la fidanzata di Marco), suo fratello Federico e la madre Maria Pezzillo la condanna sia in primo che in secondo grado è sempre la stessa: 3 anni, con l’accusa di omicidio colposo.

Adesso il Pg chiede l’annullamento della sentenza impugnata e il rinvio a un’altra sezione della Corte d’Assise d’Appello, per vedere riconosciuto l‘omicidio volontario non solo per Antonio Ciontoli, ma per l’intera famiglia. Nel contempo, la difesa ha presentato ricorso chiedendo per Antonio Ciontoli l’esclusione dell’aggravante della colpa cosciente e per il resto della famiglia addirittura l’assoluzione.