Home News Consigli di Viaggio e News Turismo Operazione Stazioni Sicure: quasi mille controlli in 24 ore, controllate 55 stazioni

Operazione Stazioni Sicure: quasi mille controlli in 24 ore, controllate 55 stazioni

988 persone controllate, 6 denunciati in stato di libertà; 4 le contravvenzioni contestate in materia ferroviaria, 1 minore rintracciato ed affidato al centro di accoglienza per minori.

Questo è il bilancio dell’attività della Polizia di Stato del Compartimento di Polizia Ferroviaria per il Lazio nell’ambito dell’Operazione Stazioni Sicure svolta nella giornata del 28 agosto,   promossa su scala nazionale dal  Servizio Polizia Ferroviaria ed incentrata sul rafforzamento delle attività di controllo straordinario del “ territorio ferroviario”.

Tali controlli, effettuati con l’utilizzo di metal detector e di smartphone di ultima generazione, hanno visto nella Stazione di Roma Termini anche l’utilizzo delle Unità Cinofile della Polizia di Stato ed hanno riguardato complessivamente 55Stazioni Ferroviarie  del Lazio con l’impiego di 164 operatori della Polizia Ferroviaria.

In particolare le pattuglie in servizio presso il Reparto di Polizia Ferroviaria di Roma Termini hanno denunciato in stato di libertà due 30enni di nazionalità rumena poiché non ottemperanti al divieto imposto dal foglio di via obbligatorio emesso dal Questore di Roma.

Una terza persona, un 40enne di nazionalità francese,  è invece stata denunciata per violenza ad incaricato di Pubblico Servizio poiché, all’entrata dell’ufficio Postale sito nei pressi della Stazione Termini lato via Marsala, ha aggredito a pugni una Guardia  Giurata. 

Un altro cittadino straniero, un 20enne  di nazionalità indiana,  è stato  denunciato per essersi rifiutato di fornire le generalità ad un Capo Treno impedendogli così di poter procedere alla redazione di atti d’ufficio.

Infine un cittadino italiano di 39 anni, sottoposto a controllo sempre da parte dei poliziotti della Polizia Ferroviaria in servizio alla Stazione Ferroviaria di Roma Termini è stato denunciato per reati di truffa operati con mezzi informatici.

La Squadra di Polizia Amministrativa Compartimentale ha proceduto infine, nei confronti di un cittadino 36enne di origine bengalese, ad intimare l’ordine di allontanamento in esecuzione al Decreto indicante   “Disposizioni urgenti sul decoro urbano”.

Il personale Polfer in servizio presso la Stazione di Viterbo ha proceduto al controllo nei confronti di un cittadino senegalese il quale è risultato inottemperante al decreto di espulsione.