Home News Cronaca Pomezia, il catasto riconosce che le strade del Borgo di Pratica di...

Pomezia, il catasto riconosce che le strade del Borgo di Pratica di Mare sono pubbliche. La chiusura è quindi irregolare?

Le strade del Borgo di Pratica di Mare sono pubbliche e, di conseguenza, i cittadini possono attraversarle, calpestarle e sostare in esse come in qualsiasi altra strada pubblica. Peccato che ci sia un cancello chiuso che lo impedisca. Ma l’Agenzia del Territorio, ovvero il Catasto Pubblico, a cui il consigliere di minoranza Stefano Mengozzi si era rivolto presentando un’istanza per fare chiarezza, ha definitivamente chiarito il dubbio: non si tratta di strade private, ma pubbliche. Quindi non ci si può – almeno secondo quello che dovrebbe essere la regola – fare quel che si vuole.

“Stamattina – scrive Mengozzi attraverso un post su Facebook – è arrivata la conferma che la nostra battaglia per far rimuovere il cancello all’ingresso del Borgo di Pratica di Mare fosse giusta e legittima:
l’Agenzia del Territorio (Catasto), rispondendo ad una istanza che avevo presentato nei mesi estivi e ad una di uguale segno dell’associazione La Lente, ha risposto in maniera chiara, esaminando gli atti.
LE STRADE SONO PUBBLICHE.

Con questa conferma non bisogna perdere altro tempo, tornerò a chiedere all’amministrazione di intervenire subito con un provvedimento che possa obbligare la proprietà degli edifici alla rimozione del cancello.

Il borgo di Pratica di Mare è un patrimonio di tutti perché poggia su strade pubbliche!”.

Qui si può leggere per intero il documento autentico dell’Agenzia del Territorio che certifica che le strade sono pubbliche.

L’amministrazione comunale a questo punto non può più far finta di niente né perdere più tempo: il Borgo è patrimonio dei cittadini, anche se le costruzioni sono proprietà dei privati. Ma l’atmosfera, le strade, la storia… quelle appartengono a tutti.