Home News Cronaca Pomezia rifiuta il razzismo: approvata in Comune la petizione della Rete Antirazzista

Pomezia rifiuta il razzismo: approvata in Comune la petizione della Rete Antirazzista

Il Consiglio Comunale di Pomezia ha approvato l’ordine del giorno della giornata di venerdì 28 giugno:

PETIZIONE ANTIRAZZISTA : “POMEZIA RIFIUTA IL RAZZISMO”, promossa dal comitato Rete Antirazzista di Pomezia.

<<Ringraziamo il Sindaco, il Consiglio Comunale e il consigliere Stefano Mengozzi che si è fatto carico della presentazione.

Libere e liberi cittadini, forze politiche e sindacali hanno aderito al manifesto antirazzista e antifascista, promosso dal comitato Rete Antirazzista Pomezia, insieme alla petizione sono state raccolte le firme per dire NO al razzismo, fascismo, sessismo, xenofobia, per un mondo senza confini, senza muri e porti aperti.

La disumanità, la disinformazione sta contagiando il nostro paese in modo preoccupante.

Non ci piace la politica che trova capi espiatori e soffia sull’odio, perché incapace di risolvere i problemi reali.

Si additano i migranti – come in passato hanno fatto coi meridionali – per distrarre l’attenzione dalle vere emergenze sociali: precarietà, disoccupazione, emigrazione dei giovani.

Il Trattato di Dublino, la Bossi-Fini, gli emendamenti ai trattati Sar e Solas, sono tre leggi ratificate dal governo Berlusconi in carica dal 2001 al 2006 di cui la Lega era fedele alleataeSalvini invece di andare nei luoghi deputati per trovare delle soluzioni, sequestra le persone e blatera in modo scomposto sui social.

Non ci piace la politica che criminalizza chi pratica la solidarietà, come le ONG e la Comandante Carola che porta in salvo vite umane.

Noi a Pomezia siamo orgogliosi che il consiglio comunale, abbia preso posizione e accolto la petizione “Pomezia rifiuta il razzismo”;

 IL CONSIGLIO COMUNALE DELIBERA

– Di dare mandato al Sindaco e alla Giunta affinché sia adottata, anche dal comune di La legittima preoccupazione per l’incertezza economica, per le ingiustizie sociali, per la scadente qualità della vita, non si risolvono trovando capri espiatori. Sappiamo dove porta questa deriva e non vogliamo restare a guardare. Dobbiamo affermare tutti con forza: NO AL RAZZISMO”;

– Inoltre, con questo ordine del giorno si impegnano il Sindaco e la Giunta affinché vengano elaborati ed attuati programmi educativi, nelle scuole di ogni ordine e grado, per contrastare, sin dall’età infantile, il diffondersi di fenomeni di razzismo, xenofobia, di sessismo e omofobia>>. 

Così in una nota la Rete Antirazzista di Pomezia.