Connettiti con noi

Cronaca di Roma

Processo agli Spada, chiesti 3 ergastoli: ‘Hanno ucciso uomini del clan rivale’

Pubblicato

il

Carmine, Roberto e Ottavio Spada. Sono loro i tre del ‘noto’ clan di Ostia che ora rischiano l’ergastolo: il procuratore generale della Corte di Appello di Roma, Francesco Mollace, ha chiesto questa condanna al processo di appello bis. 

Leggi anche: Ostia, la guerra tra clan dietro l’agguato al cognato di Roberto Spada: mandante ed esecutori, i nomi e gli arrestati

L’omicidio di ‘Baficchio’ e ‘Sorcanera’

Il secondo processo d’appello è stato disposto dalla Cassazione a gennaio, nel corso della sentenza con cui è stata riconosciuta l’associazione a delinquere di stampo mafioso per il clan Spada, che è ben consolidato sul litorale romano, a Ostia.

I tre esponenti, ora, sono accusati di aver ucciso due uomini del clan rivale, Giovanni Galleoni, meglio conosciuto come ‘Baficchio’ e Francesco Antonini, detto ‘Sorcanera’.  I due sono stati uccisi nel centro di Ostia il 22 novembre del 2011. E ora il procuratore generale per i mandanti e gli esecutori del delitto ha chiesto tre ergastoli. 

La condanna di Roberto Spada

Roberto Spada, che ora rischia l’ergastolo,  era già stato condannato in via definitiva a sei anni per aver dato una testata al giornalista Daniele Piervincenzi durante un’inchiesta, a Ostia, davanti la Femus Boxe, la palestra da lui occupata e dove insegnava la boxe a diversi ragazzi del quartiere. Le domande del giornalista avevano fatto innervosire Spada, che, invece di rispondere, aveva rotto il setto nasale a Piervincenzi con una testata. 

Ostia. Clan Spada, è mafia: lo dice la Cassazione

Tutte le Ultime Notizie dalla provincia di Roma e dall'Italia aggiornate in tempo reale: Cronaca, Politica, Attualità, Sport ed Eventi.
Il Corriere della Città è una testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 19 del 24/09/2009
Contattaci: redazione@ilcorrieredellacitta.it | Preferenze Privacy