Connettiti con noi

Cronaca di Roma

Roma, il centro sportivo Villa Flaminia rischia i sigilli per sfratto: la stangata tra Covid e bollette

Pubblicato

il

Chiuso il centro sportivo di Villa Flaminia

Roma. I legali parlano di rilascio anticipato, ma in realtà, per essere più concreti – e meno raffinati – è un vero e proprio rischio sfratto quello che ha colpito di recente il centro sportivo Villa Flaminia, quartiere Flaminio, nelle vicinanze del Teatro Olimpico. Una storia piuttosto comune negli ultimi anni, una storia che parla di difficoltà nell’andare avanti a causa del Covid e degli aumenti in bolletta innescati dalla crisi energetica. Una combinazione micidiale per le attività italiane, molte delle quali hanno dovuto rinunciare ad andare avanti per forza maggiore. Le due ”calamità” non lasciano scampo a molti, perché c’è chi, come il Centro Villa Flaminia non ce la fa a pagare i canoni annui. Stando a quanto comunicato dai legali del Centro e trasmessi anche su altre testate, come ad esempio il Messaggero, si parla di canoni da mezzo milione di euro l’anno, sebbene preferiscano non specificare l’importo preciso. I proprietario dell’area, la Congregazione provinciale dei Fratelli delle Scuole cristiane noti come i Lasalliani richiedono proprio quei canoni non pagati, e sarebbero disposti a sfrattare l’attuale dirigenza non adempiente. Una dirigenza che però, sta lì da 35 anni, ed è guidata da Luigi Barelli, con annessi una decina di dipendenti e oltre un centinaio di collaboratori. 

Villa Flaminia

Roma, tagli ai riscaldamenti nelle scuole e negli uffici per combattere la crisi

Crisi energetica e Covid: Villa Flaminia rischia di chiudere

Per quanto riguarda la struttura, stiamo parlando di uno dei centri sportivi privati più grandi di Roma, in totale: ben 7 sale per palestra e fitness, 3 piscine, di cui una semi-olimpionica, 1 campo da calcio a otto, 1 pista di atletica, 1 parco giochi per bambini, 3 campi da tennis, addirittura 1 chalet in perfetto stile provenzale per feste ed eventi, e, ovviamente, un ristorante per rifocillarsi. Nonostante i bambini, le persone e i clienti in continuo transito, ”i numeri degli abbonamenti degli anni scorsi non si fanno più. Ora, se va bene, gli abbonamenti si fanno trimestrali nemmeno più annuali” – dicono dal Centro Sportivo. Lo stesso Luigi Barelli, ha spiegato: Il problema nasce con il Covid che ha fatto crollare le iscrizioni e poi con l’aumento della bolletta energetica. Le piscine e le palestre sono ambienti grandi che vanno climatizzati tutto l’anno. Con costi che negli ultimi tempi sono aumentati anche del 500 percento. Nonostante questo e nonostante i costi di manutenzione altrettanto elevati, manutenzioni che non si sono fermate per il Covid, abbiamo fatto investimenti per mantenere gli elevati standard qualitativi dell’offerta sportiva”.

Prezzo del latte in aumento, può sfiorare i 3 euro al litro: ecco perché

Tutte le Ultime Notizie dalla provincia di Roma e dall'Italia aggiornate in tempo reale: Cronaca, Politica, Attualità, Sport ed Eventi.
Il Corriere della Città è una testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 19 del 24/09/2009
Contattaci: redazione@ilcorrieredellacitta.it | Preferenze Privacy

WP Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com