Home News Roma Cronaca di Roma Roma, continua la ‘strage del freddo’: morto un altro senzatetto, aveva cercato...

Roma, continua la ‘strage del freddo’: morto un altro senzatetto, aveva cercato di riscaldarsi con una candela

Non ce l’ha fatta il senzatetto polacco che, il 3 gennaio scorso a Roma, era rimasto coinvolto in un violento incendio divampato da una candela. Il senza fissa dimora aveva deciso di ripararsi dal freddo in quella prima domenica di gennaio e di scaldare come meglio poteva il suo rifugio di fortuna: ma ecco che le fiamme lo avevano inevitabilmente e tristemente avvolto. Con lui anche la sua compagna.  I primi a rendersi conto del fatto erano stati tre autisti Atac, che prontamente erano intervenuti con gli estintori per spegnere l’incendio. Ma a nulla è servito: troppo gravi le ferite riportate dal clochard. Eppure, come spiega l’associazione Assobus Onlus – l’uomo non è morto per le ustioni, ma di freddo. 

Leggi anche: Macabra scoperta a Ostia: ritrovato il cadavere di un uomo

“M. era un uomo polacco che dormiva in un rifugio di fortuna a Roma. Aveva molto freddo e, insieme alla compagna, aveva deciso di riscaldare la piccola dimora con una candela. Il rifugio ha purtroppo preso fuoco e lui si è ustionato gravemente. M. è morto di freddo e non per le ustioni. All’alba del 2021, nella grande e immensa Roma, si muore ancora di freddo. Le vittime del freddo sono vittime dell’indifferenza e della negligenza di un sistema ingiusto che non protegge i cittadini. L’atroce e dolorosa morte di M., la sua rabbia per l’impotenza verso il freddo, suggeriscono che ci sia davvero un’azione irresponsabile da parte delle istituzioni. Assobus Onlus oggi è triste per una morte ignobile, prevedibile e sicuramente evitabile. Ciao M., se solo avessi potuto, Ti avrei aiutato” – così in una nota Maria Tridico, Presidente dell’Associazione. 
E nonostante nella Capitale sia stato potenziato il Piano Freddo per i senza fissa dimora, si continua a morire così. Nella solitudine e nel freddo che spezza le vite.