Connettiti con noi

Cronaca

Roma, il prete ha il Coronavirus: chiusa la chiesa per precauzione

Pubblicato

il

Il prete ha il Coronavirus e la chiesa viene chiusa per “misure precauzionali” “fino a nuovo ordine”.

A deciderlo l’ambasciata di Francia a Roma, come si legge sul sito della chiesa San Luigi dei Francesi (“Saint-Louis-Des-Français”) che sorge sull’omonima piazza. E questa sera niente messa neanche nella chiesa di Sant’Ivo dei Bretoni.

La decisione è dovuta al fatto che il prelato francese, appartenente alla diocesi di Parigi, dopo essere stato a Roma, proprio nella chiesa di San Luigi, è tornato in patria e lì è risultato positivo al virus. Il 43enne ha abitato a Roma per diversi mesi per motivi di studio.

“Un prete della diocesi di Parigi, rientrato dall’Italia a metà febbraio, è risultato positivo ieri”, si legge in un comunicato della diocesi di Parigi, che specifica anche che il prelato era tornato in Francia in auto, attraversando quindi l’Italia, facendo diverse soste in Lombardia, dove potrebbe aver contratto il virus.

 

L’arcivescovo di Parigi, mons. Michel Aupetit, ha chiesto ai preti di rispettare diverse misure di prudenza durante le messe e nelle chiese: dare l’ostia per la comunione soltanto nelle mani e non direttamente in bocca, niente calice, divieto di scambiarsi il segno di pace durante la messa e proibizione assoluta di immergere la mano nelle acquasantiere: i responsabili delle chiese sono stati invitati, a tale scopo, a svuotarle dell’acqua benedetta.

 

La chiesa di San Luigi è molto conosciuta perché ospita tre capolavori di Caravaggio.

Gli altri sacerdoti non hanno sintomi ma anche loro resteranno per precauzione in isolamento per alcuni giorni.

Tutte le Ultime Notizie dalla provincia di Roma e dall'Italia aggiornate in tempo reale: Cronaca, Politica, Attualità, Sport ed Eventi.
Il Corriere della Città è una testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 19 del 24/09/2009
Contattaci: redazione@ilcorrieredellacitta.it | Preferenze Privacy