Home News Cronaca Roma, ‘spaccio in taxi’: il nuovo escamotage dei pusher. Sequestrata cocaina e...

Roma, ‘spaccio in taxi’: il nuovo escamotage dei pusher. Sequestrata cocaina e una pistola

pusher in taxi

Dopo i pusher “rider” e quelli che spacciano in monopattino, la nuova strategia messa in atto, prontamente notata dagli agenti della Polizia, è stata quella dello “spaccio con taxi“. Alcuni spacciatori, infatti, per eludere il coprifuoco si spostavano nella Capitale con la complicità di un tassista per incontrare gli acquirenti e vendergli cocaina. 
Il mirato blitz anti droga è stato messo in atto nella serata di ieri, in zona San Giovanni, dagli uomini della Squadra Investigativa del Commissariato “Celio”, diretto da Maria Sironi. Nello specifico gli agenti hanno arrestato 4 persone tutte italiane, identificate come T.C.O di 32 anni, S.R.S di 22 anni, M. N. di 26 anni e D.A.D. di 35 anni e ne hanno denunciato anche una quinta. 

Leggi anche:  Roma, spacciare in monopattino: ecco il nuovo escamotage dei pusher

Le indagini: spaccio in taxi 

Il primo soggetto identificato, T.C.O, era da tempo agli arresti domiciliari e proprio grazie ai servizi di osservazione nei confronti di questo, gli agenti in borghese hanno notato alcune persone entrare ed uscire dal suo palazzo, utilizzando un taxi che li attendeva in strada. 
Un primo riscontro era emerso nei giorni precedenti: dopo essere stato notato diverse volte un taxi nei pressi dell’abitazione sospetta, gli agenti lo avevano fermato per un controllo. In quella circostanza il passeggero era stato trovato in possesso di 29 involucri di cocaina, pronti per essere spacciati. Ovviamente il tassista era ‘complice’, poiché accompagnava i pusher all’interno del proprio taxi, pensando di eludere i controlli delle Forze dell’Ordine.

Leggi anche:  Roma, consegna espressa di cibo e droga: arrestato rider 25enne

Nella serata di ieri grazie ad un servizio di osservazione ravvicinato, all’interno delle scale condominiali del sospettato, sono stati notati due soggetti entrare proprio nell’abitazione già menzionata. Gli agenti in borghese si sono dunque appostati davanti la porta d’ingresso e hanno sorpreso 3 degli arrestati colti proprio in flagranza di reato. Uno di loro, infatti, si accingeva ad uscire con 20 dosi di cocaina pronti per essere spacciati con la complicità di un ulteriore taxi.  Un secondo soggetto M.N., con una mossa fulminea, ha prelevato da un tavolo un involucro contenente ulteriori 80 dosi di cocaina e lo ha lanciato dalla finestra. I soggetti, tutti italiani, sono stati bloccati e arrestati, in concorso tra loro, per il reato di detenzione ai fini di spaccio di stupefacenti e, a seguito delle varie perquisizioni domiciliari, sono stati sequestrati circa 150 grammi di cocaina suddivisa in 129 involucri, 10 grammi di hashish, 2585 euro in contanti, materiale per il confezionamento, fogli manoscritti riportanti nomi e cifre riconducibili all’attività di spaccio, nonché una pistola semi-automatica calibro 9 mm., risultata rubata, con relativo caricatore fornito di 10 proiettili, matricola parzialmente abrasa e punzonata per alterare la regolarità della superficie ed evitare così che rimanessero impresse le impronte digitali.