Home Roma Scherma, coppa del mondo maschile: il 17enne romano Davide Di Veroli medaglia...

Scherma, coppa del mondo maschile: il 17enne romano Davide Di Veroli medaglia d’argento

Un giovane talento romano che non finisce mai di stupire. È salito oggi per la prima volta sul podio in Coppa del Mondo, prim’ancora di festeggiare il 18esimo compleanno. Davide Di Veroli, nato il 18 agosto 2001 e prodotto schermistico della Giulio Verne Scherma Roma, sale sul secondo gradino del podio nella tappa del circuito di Coppa del Mondo di spada maschile in corso ad Heidenheim.

L’azzurro, già portabandiera italiano ai Giochi Olimpici giovanili di Buenos Aires2018 dove conquistò anche l’oro individuale, festeggia sulle pedane tedesche il suo primo podio in carriera, giunto al termine di una gara in cui non solo ha mostrato il suo talento cristallino ma anche un “sangue freddo” nei momenti decisivi che si candida ad essere una cifra stilistica nella carriera del giovane schermitore romano.

Davide Di Veroli, il più giovane degli azzurri in terra tedesca, si ferma solo in finale, contro il francese Alexandre Bardenet, che conquista il successo finale della gara col punteggio di 15-7.

Lo spadista italiano, dopo aver ottenuto ieri il pass per il tabellone principale nella giornata di qualificazione, aveva esordito nel main draw con il successo per 15-14 contro l’israeliano Yuval Shalom Freilich, per poi avere ragione col punteggio di 15-7 dell’argentino Jesus Andres Lugones Ruggeri. Nel tabellone dei 16 aveva piazzato la stoccata del 12-11 contro il quotato svizzero Max Heinzer, approdando così al tabellone dei quarti di finale dove ha vinto la sfida contro l’ungherese David Nagy per 15-8.

In semifinale, Davide Di Veroli, invece, aveva avuto la meglio per 9-8, al minuto supplementare, del giapponese Koki Kano. Ma cambia poco: ha già scritto la storia. Un enfant prodige sul podio dei grandi in Coppa del Mondo.

 

COPPA DEL MONDO – SPADA MASCHILE – Heidenheim, 10-12 gennaio 2019

Finale

Bardenet (Fra) b. Di Veroli (ITA) 15-7

 

Semifinali

Di Veroli (ITA) b. Kano (Jpn) 9-8

Bardenet (Fra) b. Bruev (Rus) 15-11

 

Quarti

Kano (Jpn) b. Cimini (ITA) 15-13

Di Veroli (ITA) b. Nagy (Hun) 15-8

Bardenet (Fra) b. Hoyle (Usa) 15-11

Bruev (Rus) b. Harper (Isr) 15-8

 

Tabellone dei 16

Cimini (ITA) b. Antkiewicz (Pol) 15-12

Di Veroli (ITA) b. Heinzer (Sui) 12-11

 

Tabellone dei 32

Cimini (ITA) b. Pizzo (ITA) 15-12

Yamada (Jpn) b. Fichera (ITA) 15-13

Di Veroli (ITA) b. Lugones Ruggeri (Arg) 15-7

 

Tabellone dei 64

Pizzo (ITA) b. Elkord (Mar) 15-8

Cimini (ITA) b. Khodos (Rus) 15-9

Fichera (ITA) b. Philippe (Fra) 15-8

Di Veroli (ITA) b. Freilich (Isr) 15-14

Shi Gaofeng (Chn) b. Santarelli (ITA) 15-11

Rein (Ger) b. Garozzo (ITA) 15-9

 

Tabellone dei 64 – qualificazione

Cimini (ITA) b. Paulouski (Blr) 15-6

Nagy (Hun) b. Vismara (ITA) 15-14

Di Veroli (ITA) b. Keppel (Ned) 15-10

 

Tabellone dei 128 – qualificazione

Cimini (ITA) b.  Nollner (Usa) 15-8

Vismara (ITA) b. Kurochkin (Rus) 15-9

Antkiewicz (Pol) b. Buzzi (ITA) 15-12

Di Veroli (ITA) b. Elsaghir (Egy) 15-10

 

Tabellone dei 256 – qualificazione

Uyama (Jpn) b. Cuomo (ITA) 15-11

Myrgorodskyi (Ukr) b. De Mola (ITA) 15-10

Sharlaimov (Kaz) b. Buzzacchino (ITA) 15-8

Kim Kyungsuk (Kor) b. Marenco (ITA) 15-12

 

Fase a gironi

Gabriele Cimini: 4 vittorie, 2 sconfitte

Federico Marenco: 3 vittorie, 3 sconfitte

Gianpaolo Buzzacchino: 2 vittorie, 4 sconfitte

Paolo Pizzo: 6 vittorie, nessuna sconfitta

Davide Di Veroli: 5 vittorie, 1 sconfitta

Enrico Garozzo: 6 vittorie, nessuna sconfitta

Lorenzo Buzzi: 5 vittorie, 1 sconfitta

Federico Vismara: 5 vittorie, 1 sconfitta

Daniel De Mola: 4 vittorie, 2 sconfitte

Valerio Cuomo: 4 vittorie, 2 sconfitte

 

Classifica (324): 1. Bardenet (Fra), 2. Di Veroli (ITA), 3. Kano (Jpn), 3. Bruev (Rus), 5. Harper (Isr), 6. Cimini (ITA), 7. Hoyle (Usa), 8. Nagy (Hun).

  1. Pizzo (ITA), 36. Santarelli (ITA), 45. Garozzo (ITA), 66. Vismara (ITA), 101. Buzzi (ITA), 163. Cuomo (ITA), 171. De Mola (ITA), 184. Marenco (ITA), 216. Buzzacchino (ITA).