Connettiti con noi

Cronaca di Roma

Terremoto in Bosnia, trema anche l’Italia: scossa avvertita fino a Roma

Pubblicato

il

Il sismografo che segna il terremoto violento in Bosnia

La terra continua a tremare e ieri sera, poco dopo le 23, un fortissimo terremoto, di magnitudo 5.7, ha colpito la Bosnia Erzegovina, a sud est della città di Mostar e a una profondità di 10 chilometri. Una scossa terribile, così ‘potente’, che è stata avvertita in tutta Italia, addirittura fino a Roma, sul litorale e in alcune zone della provincia di Latina. 

Morta una ragazza in Bosnia: i danni del sisma

Stando alle prime informazioni dei media locali, a Stolac, la città più vicina all’epicentro, un macigno ha colpito uno stabile e una ragazza di 28 anni è morta. Danni a Mostar, dove le ciminiere hanno bloccato le strade, dove non è ancora chiaro il numero dei feriti. Quello che è certo, invece, è che tantissime persone ieri sera, appena sentita la scossa, sono fuggite, hanno lasciato le case e ora, a distanza di ore, lì in Bosnia si fa il conto dei danni. Il terremoto, inevitabilmente, è stato avvertito in Montenegro, ma anche nelle località costiere di Hercel Novi, Bar, Cattaro. 

La scossa avvertita in Italia, segnalazioni anche al Sud

La violenta scossa di terremoto, che ieri sera ha colpito la Bosnia Erzegovina, è stata avvertita, come già anticipato, in tutta Italia. Le segnalazioni sono arrivate dalla costa adriatica, ma anche da Roma, addirittura da Napoli. E i social lo dimostrano perché tanti cittadini si sono riversati in rete per capire, quando ancora non c’erano informazioni, cosa fosse successo e sono molti quelli che hanno sentito il boato. Così nitido da pensare che il terremoto fosse stato in Italia. 

 

Tutte le Ultime Notizie dalla provincia di Roma e dall'Italia aggiornate in tempo reale: Cronaca, Politica, Attualità, Sport ed Eventi.
Il Corriere della Città è una testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 19 del 24/09/2009
Contattaci: redazione@ilcorrieredellacitta.it | Preferenze Privacy