Home Ciampino Terrore nella notte, tre ragazzi accoltellati chiedono aiuto all’autista di un autobus:...

Terrore nella notte, tre ragazzi accoltellati chiedono aiuto all’autista di un autobus: è indagato

Tre ragazzi sono stati accoltellati durante la notte e, spaventati, sono fuggiti trovando riparo dentro un autobus della linea 515. La triste vicenda, consumatasi a Ciampino, ha avuto inizio verso le 23 di venerdì davanti a un pub in via S. Francesco D’Assisi.

Un minorenne ha rubato un cellulare ma le sue vittime se ne sono accorte e ciò ha fatto scoppiare una violenta lite. Il ladro ha estratto un coltello e, senza pietà, ha iniziato a colpire i tre giovani malcapitati. Un testimone ha immediatamente chiamato i soccorsi e la Polizia riportando i fatti.

La fuga e i soccorsi

Le tre vittime cercando di scappare dalla furia del loro aggressore sono fuggite raggiungendo via Kennedy. Giunti al capolinea dell’autobus hanno implorato un autista di lasciarli entrare nell’autobus e di prestargli aiuto. L’autista dell’autobus 515 ha immediatamente aperto le porte del mezzo e soccorso i tre ragazzi ed ha chiamato la Polizia.

Poco dopo sono giunto sul posto sia gli agenti che i sanitari del 118 che si sono affrettati a prestare le prime cure e verificare lo stato di salute dei ragazzi. Delle vittime due sono state trasportate in codice rosso presso il Policlinico Tor Vergata. Uno di loro è stato accoltellato alla gola, all’altro invece la coltellata ha bucato la guancia procurando una lacerazione fin dentro la bocca. La ragazza, invece, è stata trasportata in codice verde presentando solo un lieve taglio sulla guancia.

L’identificazione dell’aggressore

Inizialmente si pensava che l’aggressore fosse stato arrestato dalla Polizia, ma non è così. Il giovane, un ragazzo minorenne di Marino, è stato identificato e fermato ma non arrestato in quanto non è stato trovato in flagranza di reato. Il giovane risulta quindi essere indagato per furto e aggressione aggravata. Anche le accuse sembrano deludere i cittadini di Ciampino che speravano che la giustizia avrebbe assicurato una pena per tentato omicidio oltre ai reati già elencati.