Home News Cronaca Torvaianica, due rom non si fermano all’alt e vengono inseguiti dai carabinieri:...

Torvaianica, due rom non si fermano all’alt e vengono inseguiti dai carabinieri: strike finale di auto, speronata anche la gazzella dei militari

Una fuga a folle velocità a bordo di una Fiat Punto, con i carabinieri alle calcagna, da Pomezia verso Torvaianica, poi la svolta verso Martin Pescatore, in via degli Argonauti, con la speranza di far perdere le proprie tracce. Ma, forse nel tentativo di girare all’ultimo momento su via Fiorenzuola, il guidatore dell’auto ricercata ha perso il controllo, andando a impattare contro una Lancia Musa in sosta. A causa dell’urto a forte velocità, l’auto ha fatto una carambola, girando su sé stessa e andando a centrare anche la gazzella dei Carabinieri. E’ successo nella mattinata di oggi, 22 agosto, intorno alle ore 11:30. L’inseguimento è iniziato perché l’auto non sì è fermata a un normale posto di controllo dei carabinieri.

IL TENTATIVO DI FUGA A PIEDI

I due occupanti della macchina in fuga, una coppia di rom, un uomo e una donna incinta, hanno quindi tentato di scappare a piedi. Il ragazzo è riuscito a far perdere le proprie tracce, mentre la ragazza ha solo fatto in tempo a fare pochi passi prima di essere catturata dai Carabinieri. La giovane, palesemente incinta, è una 27enne di origine serba con precedenti. Per lei è scattata la denuncia a piede libero per resistenza a pubblico ufficiale. Dato il suo stato interessante, è stato richiesto l’intervento del 118 per le cure del caso. Il suo compagno, nel frattempo, è sparito. Adesso è ricercato. I due si trovavano a bordo di una Fiat Punto intestata a un rom pregiudicato, coperta da un’assicurazione che è stata però cancellata dalla banca dati dell’ACI, in quanto sull’uomo intestatario dell’auto è stato emesso un divieto di intestazione di veicoli per “intestazione fittizia”. 

Sul posto, oltre alla pattuglia che ha inseguito i due rom, sono intervenuti gli agenti della polizia locale di Pomezia per rilevare l’incidente, un’ambulanza del 118 e i Carabinieri del Comando Provinciale per gli accertamenti ulteriori sui rom.