Connettiti con noi

Ultime Notizie Economia

3 Bonus famiglia in scadenza il 30 giugno: quali sono e come richiederli entro fine mese

Pubblicato

il

stipendi e pensioni

Se c’è una data da prendere in considerazione e tenere d’occhi, questa è senza dubbio quella del prossimo 30 giugno, perché scadono tre bonus che aiutano molto le famiglie italiane in difficoltà. Si tratta, nello specifico, di incentivi abbastanza concreti che sarebbe un peccato lasciarsi sfuggire, soprattutto di questi tempi, date le condizioni durissime della nostra economia. 

Incentivi per le famiglie: il bonus idrico

Il primo incentivo da tenere in considerazione è senza dubbio il bonus idrico che, come anticipato, scade proprio giovedì prossimo, il 30 giugno 2022. Si tratta di un incentivo di 1000 euro per la sostituzione di vasi sanitari, miscelatori, rubinetti e tutta una serie di componentistica per bagno e cucina che sia a minor consumo di acqua e quindi più ecologica e sostenibile. Questo bonus spetta per tutte le spese sostenute nell’arco del 2021.

Ovviamente, meglio sottolinearlo, si devono avere fatture e ricevute a portata di mano per poter accedere alla piattaforma del bonus idrico con Spid. 

Leggi anche: Bonus Isee basso: 720€ subito e aiuti mensili

Il bonus terme 2022

Un altro incentivo importante da monitorare, perché in scadenza, è senza dubbio il bonus terme. In questo caso a scadere è proprio la possibilità di fruire delle Terme dopo aver effettuato la domanda. Infatti, la richiesta del bonus deve essere stata già presentata ai suoi tempi, ma, se non si accede alle terme e alle loro prestazioni entro il 30 giugno, si perde il diritto di farlo nonostante l’inoltre della domanda e l’approvazione.

Occhio all’Assegno Unico

Ad ogni modo, la scadenza più importante da non sottovalutare è certamente quella per presentare la domanda per l’assegno unico dei figli a carico. Di fatto, se se è presentata la domanda a gennaio oppure febbraio l’assegno arriva da marzo. D’altro canto, invece, chi non ha ancora presentato la domanda lo deve fare entro il 30 giugno.

Se così non fosse, cioè, se la domanda venisse presentata dopo il 30 giugno, si perderebbero di conseguenza tutti gli arretrati fino a quel momento. Detto in altri termini: sicuramente è importante sbrigarsi. In tal caso, sarebbe davvero un peccato perdere tutte le mensilità arretrate dell’Assegno Unico, un incentivo davvero importante di questi tempi, che potrebbe fare la differenza. 

Tutte le Ultime Notizie dalla provincia di Roma e dall'Italia aggiornate in tempo reale: Cronaca, Politica, Attualità, Sport ed Eventi.
Il Corriere della Città è una testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 19 del 24/09/2009
Contattaci: redazione@ilcorrieredellacitta.it | Preferenze Privacy